Hits

Evento Homo Faber – Venezia


Hots

Film Roma di Alfonso Cuarón – Leone d’oro al Festival Internazionale del Cinema – Venezia
Il Leone d’oro al Festival Internazionale del Cinema di Venezia è andato a Roma del regista messicano Alfonso Cuaròn: un film in bianco e nero che ha conquistato critica e pubblico. Il premio della giuria, presieduta da Guillermo del Toro (vincitore lo scorso anno con “La forma dell’acqua”), ha confermato le previsioni assegnando il premio al film targato Netflix: il primo Leone d’oro che va a un film prodotto per lo streaming, a dicembre sulla piattaforma in contemporanea con alcune sale selezionate. La pellicola si svolge nel 1971 e racconta la storia di una famiglia di Città del Messico: Roma è il nome di un quartiere della capitale messicana, dove l’autore e regista è cresciuto. Cuaròn riesce a trasformare una storia intima e personale in qualcosa dal valore universale. Partendo dal suo Paese e dalla sua infanzia, attraverso gli occhi e le movenze della sua tata, traccia il disegno di una nazione, una donna, una famiglia e un sentire umano.

InstaNovels della New York Public Library – Stati Uniti
La New York Public Library è una delle più importanti e prestigiose biblioteche degli Stati Uniti, con un patrimonio di oltre 44 milioni fra libri, supporti multimediali, stampe e documenti. Con l’intento di creare una relazione con le nuove generazioni la NYPL ha recentemente lanciato un progetto di “convocazione” più che di comunicazione, dal nome InstaNovels. L’idea è quella di “insinuare” negli smartphone dei più giovani, attraverso le storie di Instagram, la grande letteratura mondiale. L’iniziativa è partita con tre romanzi iconici trasformati sapientemente in Instagram Stories. I libri prendono vita sull’app attraverso accattivanti formati animati, creati da illustratori e artisti appositamente per la piattaforma social, arricchiti di sommari e affascinanti “trovate” che rendono la lettura del testo vero e proprio ancor più intrigante.

Amazon 4-star – New York
Amazon ha aperto la sua prima boutique Amazon 4-star nel quartiere di SoHo a New York, in cui vengono venduti i prodotti più richiesi dai clienti nel sito. Il nuovo format risponde alla costante richiesta dei clienti di avere accesso ai prodotti anche nella dimensione fisica. Lo spazio è suddiviso per categorie di prodotti, tra quelli più richiesti online: per esempio, prodotti per la casa e la cucina, libri e device elettronici, ma anche giocattoli per bambini. In uno spazio dedicato sono proposti alcuni prodotti della private label di Amazon e su uno scaffale, inoltre, sarà possibile verificare quali prodotti sono particolarmente “trendy” nella città di New York. La rotazione avverrà ogni settimana, sulla base del rating nel sito. All’interno, inoltre, sono a disposizione dei visitatori le recensioni online di altri clienti. Gli utenti Amazon Prime, infine, potranno godere del vantaggio di pagare i prodotti allo stesso costo dell’online, inferiore a quello in negozio.

Prima stazione ferroviaria green – Rapallo
Quella di Rapallo, con l’installazione sperimentale multi sorgente Dynamo, diventa la prima stazione ferroviaria green della rete nazionale. La struttura offre nuovi servizi di ricarica per devices utilizzando energia prodotta esclusivamente da fonti rinnovabili, connessione Wifi, monitoraggio e filtraggio dell’aria ed altro. Il progetto pilota GreenHub, di cui è parte Dynamo (realizzata in legno, alluminio e acciaio), unisce sostenibilità ambientale, efficienza energetica, tecnologia innovativa e nuovi servizi per i viaggiatori. L’obiettivo è rendere le stazioni ferroviarie del futuro un unico spazio green caratterizzato dall’uso di materiali riciclati e riciclabili. Sono ben otto le startup italiane coinvolte nella realizzazione del progetto.

Stadio di eSports LoL Park di Riot Games – Seoul – Corea
Riot Games ha presentato un nuovo stadio dedicato all’ eSport, chiamato LoL Park a Seoul. Lo stadio, che prende il nome da League of Legends, gioco di punta di Riot, è in grado di contenere fino a 500 spettatori in diverse sezioni. Oltre all’auditorium principale riservato agli eSports, la struttura può vantare un’area salotto in stile forum vicina ai giocatori per vedere i loro schermi, consentendo un’esperienza visiva particolare. Oltre alle esperienze visive, la struttura offre anche un PC bang da 100 posti, un’area per incontri con i fan, un negozio di prodotti a marchio Riot, un caffè ispirato alla regione di Bilgewater, ambientazione di League of Legends e una mostra della Champions League Corea con statue di campioni, divise della squadra LCK e immagini dei giocatori.

Fattoria galleggiante – Rotterdam
È in costruzione nel porto di Rotterdam il primo allevamento galleggiante al mondo. Questa fattoria sull’acqua iper tecnologica ospiterà 40 mucche, almeno inizialmente, e permetterà la produzione di latte direttamente in città con una media di 800 litri di latte al giorno. Le mucche saranno alimentate con cibo proveniente dai rifiuti urbani, come ad esempio i cereali di scarto o sottoprodotti di negozi alimentari e l’edificio sarà completamente autonomo dal punto di vista energetico. L’idea nasce nel 2012 da Minke e Peter Van Wingerden, dopo un viaggio a New York durante l’uragano Sandy. La carenza di prodotti freschi in quel momento li fece riflettere sulla necessità di una produzione locale e urbana di questo tipo di prodotti. Creando un allevamento in grado di galleggiare sull’acqua che sfida maree e inondazioni si potrebbe garantire l’accesso a latte di giornata. La piattaforma sarà costruita dalla società Beladon.

Album REDUXER di Alt – J
Il 28 settembre è uscito il terzo album della band inglese, Alt – J. REDUXER, versione hip hop dell’ultimo album RELAXER, uscito nel 2017, realizzata in collaborazione con Danny Brown, Little Simz, Pusha T, Twin Shadow e molti altri. Un album globale, con rapper e produttori da tutto il mondo. REDUXER è uno dei migliori album hip-hop del 2018, o crossover hip-hop, a seconda dei punti di vista. REDUXER raggiunge un duplice scopo: fare ascoltare un album quasi completamente nuovo, tale è il livello di manipolazione delle tracce originali, e allo stesso tempo portare l’ascoltatore a rivalutare e apprezzare di più quelle stesse tracce del 2017. Sembra di sentire due album, uno sovrascritto sull’altro, e i due lavori si compenetrano e si impreziosiscono a vicenda.

Day2 di Unilever
Proposto da Unilever e lanciato nel regno Unito, Day2 è uno spray pensato per risolvere il dilemma del “chairdrobe”, cioè la scelta se buttare in lavatrice o indossare ancora gli abiti accatastati sulla sedia, già usati e stropicciati ma non proprio sporchi. Day2 infatti permette di rinfrescare e rivitalizzare i vestiti in pochi minuti, a secco, grazie a una nuova tecnologia, per usarli ancora una volta prima di lavarli. Un prodotto ingegnoso, utilizzabile anche in viaggio, in grado di far risparmiare sui lavaggi e di andare incontro alle esigenze dei Millenials, generazione che ci tiene alla sostenibilità ma che sembra anche avere, più spesso delle altre, un chairdrobe in casa.

Microsoft acquisisce Lobe
Microsoft ha acquisito Lobe, startup californiana di San Francisco. Lobe è stata fondata nel 2015 da Mike Matas, Adam Menges e Markus Beissinger con l’obiettivo di rendere il deep learning accessibile a tutti e con questo in mente ha sviluppato una piattaforma che permette di creare modelli personalizzati per il deep learning ricorrendo ad una interfaccia visiva, senza la necessità di digitare una sola riga di codice e senza bisogno di possedere conoscenze approfondite in materia di intelligenza artificiale. Solo nel maggio di quest’anno l’azienda aveva rilasciato una prima versione beta della sua app. L’acquisizione arriva in un periodo nel quale le aziende del settore si sforzano di rendere più accessibili le capacità di apprendimento automatico.

Boy de Chanel – Corea del Sud
Chanel ha lanciato, partendo dalla Corea del Sud proprio questo mese, la sua prima linea di makeup maschile: Boy de Chanel. Proposta con il volto dell’attore Lee Dong-wook, la linea comprende il fondotinta, in otto tonalità, la matita per le sopracciglia, in quattro tonalità compreso il grigio, e il balsamo labbra. Chanel conferma così, con la forza del suo brand, la tendenza a un trucco sempre più genderless, diffuso tra gli uomini come routine di cura e attenzione alla bellezza che, come più volte ha affermato la maison, è un fatto di stile e non di genere.