Hits

The Incredibles – Disney & Pixar

Apple Store – Regents Street, Londra

Band Aid 20

Alexander di Oliver Stone

Moma Riapre – New York


Hots

Chanel No 5, Spot
Questa campagna è sicuramente una delle pubblicità più elaborate e costose di tutti i tempi. Della durata di due minuti, più un minuto di titoli di coda, sembra più un trailer che uno spot: non un’anteprima di un film ma di un profumo. Nicole Kidman è la protagonista principale della storia narrata e tutto nel video ci riporta a Moulin Rouge. Le scenografie, i costumi, la ricostruzione del paesaggio cittadino e persino la recitazione ricordano il film di Baz Luhrmann. Anche il marchio di Chanel n¡5 entra a far parte di questo meraviglioso mondo immaginario: sottoforma di insegna luminosa su un palazzo, di magnifico pendente indossato dalla Kidman nella scena finale, ma soprattutto come un’impalpabile atmosfera in tutto lo spot.

Tommy Hilfiger acquista il marchio Karl Lagerfeld
Il noto stilista tedesco Karl Lagerfeld, dopo aver fatto sensazione il mese scorso grazie alla sua collaborazione con H&M, ha venduto i suoi marchi di abbigliamento al designer americano Tommy Hilfiger. L’accordo, che non riguarda i contratti di Lagerfeld con Chanel e Fendi, è stato raggiunto per una cifra non meglio precisata. Lagerfeld è riconosciuto come uno dei più eclettici stilisti al mondo e rimarrà alla guida dello stile dell’azienda. I capi di alta classe di Lagerfeld incontreranno cos” la forza distributiva di Hilfiger. In questo modo, le parti in causa sperano di aumentare considerevolmente la crescita nel mercato statunitense.

Hugo Boss Prize 2004
Il direttore della fondazione Solomon R. Guggenheim e il presidente di Hugo Boss hanno consegnato lo Hugo Boss Prize 2004 all’artista tailandese Rirkit Tiravanija davanti a 1200 ospiti invitati nel museo Guggenheim di New York il 9 novembre. Il museo organizzerà una mostra dedicata al nuovo vincitore nella primavera 2005. Lo Hugo Boss Prize dal 1996 seleziona artisti che danno un contributo estetico significativo all’evoluzione dell’arte contemporanea. Il premio di 50.000 dollari, viene amministrato dalla fondazione Solomon R. Guggenheim. Rirkrit Tiravanija è stato scelto da una giuria internazionale composta da curatori di musei, critici e collezionisti.

Cocoon Club, Francoforte
Il DJ tedesco Sven Vþth, noto come “il maestro della techno”, ha invitato alcuni VIP a sdraiarsi in 13 capsule e letti in stile Star Trek al Cocoon Club, creati dallo studio di “architettura genetica” 3 deluxe di Wiesbaden. Il Cocoon Club inaugurato da Sven Vþth a Francoforte esprime il suo esclusivo talento di international techno e techno-house scenario, coordinato con video art e lighting, il Cocoon si traforma in Cocoon Clubbing: un evento itinerante che gira per la maggior parte dei club techno più conosciuti in Germania. All’interno del locale è possibile accedere ai due ristoranti interni, rilassarsi e ballare fino al mattino.

Elite Designers Against Ikea
“Siamo gli Elite Designers. Disegnamo mobili profondi e belli per le perone che hanno soldi e gusto. E’ il motivo per cui Ikea ci rende furiosi e lividi di rabbia. I loro prodotti vivono, respirano e ringhiano? Sono ottenuti da lacrime di dolore? Toccano con gentilezza il fondo dell’animo umano? Pah! Certamente no, non più di quanto le erbacce attirino le api. Quel grande posto blu è odioso, quel design per tutte le tasche è odiosamente superficiale e lo disprezziamo più di quanto disprezziamo il calcio”. Questo è un estratto dell’ultima campagna pubblicitaria di Ikea, incentrata sui valori del marchio svedese, che parte dal pretesto di un fantomatico movimento di designer che lo disprezza. Il fondatore e animatore del movimento è il divertente Van Der Puup.

U2, New York
Il tam-tam e’ cominciato su Internet, con la rete tv Mtv che offriva la possibilita’ di stampare biglietti personalizzati per il concerto di una band misteriosa sotto il ponte di Brooklyn. Come richiamati da un pifferaio magico, in migliaia si sono presentati al tramonto all’appuntamento, per scoprire sul palco cio’ che molti avevano gia’ intuito: Bono e gli U2, arrivati a fare una sorpresa a New York e soprattutto a girare un video ‘live’ alla vigilia del debutto del loro nuovo cd. La band irlandese ha imperversato per tutto il pomeriggio di lunedi’ a Manhattan, girando la citta’ sulla piattaforma scoperta di un camion, richiamando fans e curiosi a Times Square e lungo la Broadway. Il gruppo si e’ poi spostato a Brooklyn, in un parco ai piedi del celebre ponte, con i grattacieli di Manhattan sullo sfondo. Qui ad attenderli c’erano circa 3.000 persone, richiamate da avvisi su vari siti internet dedicati agli appassionati della musica di Bono e compagni.

JFK Reloaded
Nel quarantunesimo anniversario della morte di John Fitzgerald Kennedy, un videogioco permette di indossare i panni di Lee Harvey Oswald, l’assassino del presidente statunitense. “JFK Reloaded“, c’è da giurarlo, non mancherà di suscitare polemiche. Non solo per il realismo con il quale riproduce la tragedia. Ma anche perchè il gioco sposa apertamente la versione ufficiale, quella secondo la quale il presidente Kennedy venne ucciso da un solo cecchino, appostato al sesto piano del Texas School Book Depository di Dallas. Il gioco riproduce le celeberrime immagini dell’omicidio Kennedy con impressionante realismo. Il giocatore pò rivedere la scena non solo dal punto di vista di Oswald, ma anche dalla postazione del videoamatore Abraham Zapruder, autore del filmato sezionato da Oliver Stone nel suo “JFK” del 1991. Un portavoce di Edward Kennedy, ultimo fratello del presidente, ha definito il videogame “spregevole”. La famiglia Kennedy è stata informata della prossima uscita del gioco venerd” scorso, attraverso una lettera inviata dallo stesso Ewing. “JFK Reloaded” può essere scaricato da internet per 9,99 dollari.

RCA Secrets, Londra
Una mostra e vendita di cartoline RCA Secret 2004 è stata organizzata durante le ultime due settimane di Novembre a Londra. Le cartoline, disegnate da artisti come il vincitore del premio Turner Grayson Perry e esperti design come Sir Terence Conran ma anche da studenti e neo-laureati del Royal College of Art, aiutano a raccogliere fondi per il Royal College of Art Fine Art Student Award Fund, una associazione che supporta finanziariamente i studenti nel corso degli anni di studio. Il successo di questa iniziativa ma anche la chiave di svolta è il fatto che l’identita del artista rimane nascosta finchè l’opera viene acquistata e si rivela la firma al latto posteriore.

Fondazione Cartier
La Fondazione Cartier per l’arte contemporanea ha festeggiato questo nevembre i suoi 20 anni di attività. La fondazione che è stata fondata nel 1984 da Alain Domenique Perrin, ex-presidente di Cartier International, sè dedicata al sostegno e lo sviluppo di di arte contemporanea nelle sue varie espressioni. Fin dal suo inizio ha organizzato mstre tematiche e monografiche di famosi artisti ma ha offerto a tanti giovani artisti dal tutto il mondo una possibilità di farsi conoscere. Per i festeggiamenti è stato anche presentato un video che racconta i venti anni di storia, sviluppato da la stretta collaborazione di artisti Francesi e stranieri.

Under a Tenner, Londra
Il Design Museum di Londra presenta una mostra inusuale -Under a tenner – invitando venti esperti da tutto il mondo a offrire il proprio punto di vista sul design, con il compito di scegliere oggetti di ‘culto’ secondo un preciso criterio: nessuno degli oggetti scelti può costare più di 10 Sterline! La mostra risponde in questo modo ad alcune domande-chiave: Che cos’è un oggetto di buon design e quali dovrebbero essere i valori portanti? La funzionalità? L’innovazione? La sostenibilità? La complessità? L’ironia?… Il risultato è uno spettro di sguardi e riflessioni affascinanti su ciò che il design è in grado di produrre oggi e sui ‘pensieri’ che esso sostiene.