Hits

75° compleanno di Topolino

46664 Give 1 Minute of Your Life To Stop AIDS – Città del Capo

Mostra Gauguin a Tahiti – Parigi

Let it be…naked – The Beatles

Alla ricerca di Nemo – Disney


Hots

Benjamin Zephaninan rifiuta l’Ordine dell’Impero Britannico, Londra
Il poeta inglese Benjamin Zephaniah ha rifiutato l’onorificenza dell’Ordine dell’Impero Britannico che la regina Elisabetta II avrebbe voluto consegnargli per i suoi meriti letterari. Zephaniah, è nato a Birmingham ma è di origini giamaicane. “Mi arrabbio quando sento la parola Impero”, spiega il poeta rasta, “mi ricorda la schiavitù, mi rievoca migliaia di anni di brutalità. Mi rammenta di come le mie antenate furono stuprate, e i miei avi trattati in modo degradante.” La maggior parte delle sue composizioni esprime la protesta contro il sistema legale britannico e la guerra.

The Times diventa tabloid, Londra
Il glorioso The Times di Londra, pubblicato da Rupert Murdoch, ha lanciato una nuova versione tabloid, cambiando formato per la prima volta dalla fondazione. La nuova versione compatta è in vendita nell’area di Londra, accanto alla versione tradizionale di grande formato. Il direttore Robert Thomson ha dichiarato che “il tabloid offre ai lettori, un nuovo formato che meglio si adatta alle loro esigenze, se si pensa ad esempio ai passeggeri dell’affollata subway londinese.” Il largo formato è stato considerato fino ad oggi prerogativa della stampa “seria”, mentre al tabloid veniva solitamente associato un quotidiano dai contenuti scandalistici e popolari.

Bharat Matrimony, India
Bharat Matrimony è il principale portale di annunci matrimoniali indiano con una vasta gamma di servizi relativi alla preparazione del matrimonio: dai consigli e utili riferimenti nell’ambito della moda & bellezza, alla consulenza legale, alle indicazioni sugli inviti e all’organizzazione del fatidico giorno. Tre testate di annunci matrimoniali sono collegate al portale. La novità è che da questo mese gli indiani possono cercare on-line l’anima gemella inviando sms al sito: il portale Bharat Matrimony punta sui 25 milioni di possessori di cellulari nel Paese, contando di sostituirsi ai diffusissimi annunci matrimoniali.

Naomi e il mass market
Dopo alcuni anni di sola (o quasi) cronaca rosa, Naomi Campbell torna alla pubblicità. Il ritorno è segnato da scelte inconsuete per la top model, che ha deciso di prestare la sua immagine per due campagne di prodotti decisamente di massa: Tim e H&M lingerie. Dopo anni di lusso e griffes, la “venere nera” si concede al mass market, formando la strana coppia con il cucciolo di “dogue de Bordeaux” Ettore, ormai famoso testimonial di Tim, o indossando un prodotto di abbigliamento intimo alla portata di tutti.

Fondazione Prada e Facoltà di Filosofia Estetica, Milano
Sta per nascere a Milano un originale progetto di collaborazione fra centri di eccellenza privati, ovvero la Fondazione Prada e la Libera Università Vita-Salute San Raffaele. L’accordo si basa sul sostegno alla Facoltà di Filosofia, ma anche su un programma di convegni, dibattiti e seminari ai quali saranno chiamate personalità di prestigio a livello internazionale nei campi del pensiero filosofico, dell’estetica, della ricerca scientifica e delle espressioni artistiche contemporanee. La cattedra di Estetica, di cui è titolare Massimo Cacciari, assumerà dal nuovo anno accademico la denominazione di Cattedra Fondazione Prada di Filosofia Estetica.

Lost in Traslation di Sofia Coppola
Il secondo film di Sofia Coppola segna il suo passaggio alla maturità registica. La storia che attraversa Lost in Translation è una vicenda di incontri che avvengono lontano da casa, narrati con un tocco leggero e con una delicata poesia. Bob e Charlotte si incontrano casualmente in un grande albergo di Tokyo: lui è un noto attore americano volato in Giappone per girare un spot pubblicitario; lei è la giovane moglie di un fotografo di grido perennemente impegnato. Nonostante la differenza di età che li separa, i due vivranno una singolare scoperta dei segreti e delle singolarità della città che li ospita, che va in parallelo con una riscoperta delle loro priorità e la necessità di compiere delle scelte.

World Toilet Day, Singapore
Una organizzazione che ha sede ha Singapore ha proclamato il “World Toilet Day”, la giornata mondiale della toilette, per chiedere più igiene nella strutture pubbliche. “Quello che stiamo provando a fare è infrangere il tabù sui bagni”, ha spiegato Jack Sim, membro fondatore della associazione non-profit World Toilet Organisation. “Tutti parlano di quello che succede nel corpo e nessuno parla di come esce”, ha aggiunto. La World Toilet Organisation – fondata da due anni, con l’obiettivo di incrementare la consapevolezza globale sui bagni e sui livelli di sanitarizzazione – festeggia il suo annuale World Toilet Day chiedendo alla gente di parlare contro i water sporchi o mal progettati.

Striptease alle Galeries Lafayette, Parigi
Il grande magazzino francese Galeries Lafayette, per l’inaugurazione del nuovo reparto lingerie, ha deciso di lanciare dei corsi di striptease. Le classi settimanali, che possono avere fino ad un massimo di 100 persone, sono rigorosamente riservate alle signore e sono tenute da professioniste dello striptease. La motivazione, assolutamente pertinente, è che chi decide di investire una somma considerevole in un combinè di Alexander Mac Queen ha bisogno di imparare non solo a portarlo ma anche a toglierlo.

Noi Albinoi di Dagur Kari, Islanda
Il film islandese Noi Albinoi si sta imponendo per la sua originalità e, dopo aver vinto numerosi riconoscimenti in diversi festival europei, ora è in gara per l’Oscar come miglior film straniero. Noi l’Albino è il protagonista di una storia drammatica, ambientata in uno sperduto villaggio islandese chiuso tra il mare e la neve, un luogo realistico ma anche un universo chiuso e quasi immaginario nel quale si trova intrappolato il giovane e ribelle Noi. La sua diversità fisica è segno simbolico di una più profonda diversità psicologica che lo porta ad essere emarginato dalla sua comunità, fino al drammatico ma liberatorio epilogo.

Nuovi Job titles per Virgin, UK
Bright Red, One More Time, Mrs Cunningham, non sono i titolo delle prossime fiction della BBC ma i nuovi job title della Virgin. Sir Branson ha deciso di lasciar perdere denominazioni oscure tipo Responsabile della Comunicazione e Direttore del Personale e invece introdurre dei nomi che facciano immediatamente capire di cosa si occupano le persone. Quindi Mr. Bright Red si occupa della brand recognition, deve avere qualità smart ed essere di un rosso acceso; Mr. One More Time vi fa imparare dai vostri errori. Il più originale è forse Mrs. Cunningham: mutuata dalla serie Happy Days dove impersonava la mamma della famiglia felice, sempre con il sorriso sulle labbra. Mrs Cunningham. ovviamente si occupa di relazioni con il pubblico ed ha un approccio fermo, calmo e tranquillo.