Hits

Film The Square di Ruben Östlund – Palma d’oro al Festival di Cannes 2017

Mostra Art of the In-Between di Rei Kawakubo – Metropolitan Museum – New York

Cartellone Virtual Crash di Serviceplan Parigi

Murale su Brexit di Banksy – Dover


Hots

Apple Store – Dubai
L’Apple Store più grande del mondo ha aperto le sue porte al pubblico a Dubai, all’interno del Dubai Mall, il più grande centro commerciale al mondo che si affaccia sul Burji Khalifa, il grattacielo più alto al mondo. Questo negozio fa parte della nuova concezione architettonica dei negozi Apple e in questa occasione gli architetti di Foster + Partners hanno progettato diciotto “ali solari”, motorizzate di oltre 11 metri di altezza che rispondono alle condizioni ambientali in continuo cambiamento. Quando il sole è nel suo momento più caldo, raffreddano il negozio, e in serata si aprono per accogliere tutti nella terrazza pubblica. Realizzate in fibra di carbonio costituiscono una delle più grandi installazioni di arte cinetica al mondo.

Stadio interattivo di Nike – Manila
Situato a Manila, nelle Filippine, lo stadio Nike Unlimited consente ai corridori di competere con i loro avatar in una pista a LED di dimensioni ridotte. Progettato da BBH Singapore, il Nike Unlimited Stadium è diverso da qualsiasi altra arena pop-up o pista da corsa. La pista da 200 metri è costruita con schermi a LED dove compare l’avatar del corridore. I corridori collegano un sensore con identificazione a radio-frequenza iper-accurata alla loro scarpa per tenere traccia del loro primo giro di pista. Da allora in poi, l’avatar continuerà a registrare i tempi migliori del corridore. Mentre l’atleta corre lungo la pista, l’avatar è progettato per crescere progressivamente in dimensioni, incoraggiando i corridori a battere il loro miglior tempo sul giro. Solo 30 corridori alla volta possono correre in pista. Considerando che questo è uno stadio pop-up, ci si può solo chiedere dove Nike sceglierà di costruire il prossimo sorprendente concept.

Progetto Conduct di UM Project e Flavor paper – Collective Design Fair – New York
In occasione della Collective Design Fair di New York è stato presentato un progetto innovativo che “oltrepassa” i confini conosciuti della carta da parati. Conduct nasce dalla collaborazione di due aziende newyorkesi, Flavor Paper e UM Project, che lavorano sul design in modo dinamico e sperimentale. Il progetto, a cavallo tra design e ingegneria, consiste in un rivestimento da muro interattivo che rivela, trasformandoli in un sofisticato segno grafico, i circuiti elettrici che generalmente sono nascosti all’interno delle pareti. Il tocco umano, completa il circuito e rende possibile l’attivazione degli oggetti ad essi collegati. Il muro diventa così un display multimediale dalle infinite possibilità, una superficie viva e interattiva. Ogni elemento del progetto è realizzato a mano, in equilibrio perfetto tra design minimal e ricerca tecnica.

Progetto LeGrow di Winmart Design
LeGrow si ispira al sistema Lego, i mattoncini che conosciamo e amiamo dalla nostra infanzia. L’unica differenza è che con LeGrow, non si costruiscono città, costruzioni o automobili, ma si costruisce un ecosistema. Progettato per le persone che amano il giardinaggio, ma prive di abilità o tempo, utilizzare LeGrow è semplice: basta impilare i moduli e poi riempirne periodicamente il serbatoio con acqua. LeGrow controlla l’umidità del suolo, l’umidità atmosferica e, soprattutto, la luce del sole, in modo da poter osservare questa piccola foresta verdeggiante schiudersi davanti ai propri occhi. E’ possibile inoltre coltivare un giardino autosufficiente di erbe commestibili per preparare pietanze “autoprodotte”.

Spot Ramadan 2017 di Zain – Kuwait
In occasione del Ramandan, la compagnia telefonica kuwaitiana Zain ha realizzato un video musicato dal cantante Hussain Al Jassmi. Lo spot mira a sensibilizzare il pubblico contro il terrorismo, ed offre un tributo per tutte le vittime della violenza. Nel video sono presenti anche Ibrahim Abdulsalam, ferito nell’attentato in una moschea del Kuwait e Nadia Al Alami, sposa sopravvissuta a un attentato durante i festeggiamenti per le nozze. Vengono inoltre mostrate le immagini di diversi attentati. In pochi giorni il video ha ottenuto quasi tre milioni di visualizzazioni.

Campagna “Spend It Well” di Marks & Spencer – Regno Unito
L’11 Maggio è andato in onda sulla televisione inglese il primo spot della nuova campagna di Marks & Spencer. La serie di spot pubblicitari è curata dall’agenzia Grey London e punta sull’esperienza del consumo e sulle persone piuttosto che sui prodotti. Il claim Spend It Well fa intendere il messaggio della marca, che si pone come un facilitatore per una vita quotidiana “ben spesa”, trasformando l’ordinario in straordinario. Nel primo spot, si punta sulla condivisione di un’attitudine per la qualità che va oltre l’età e la demografia, quella che fa la differenza e fa scegliere Marks & Spencer sia che si tratti di cibo, di abiti o, come vedremo prossimamente, degli altri prodotti proposti dal retailer.

Ufficio digitale DMM di teamLab – Tokyo
Il collettivo artistico giapponese teamLab ha creato un “ufficio digitale” all’interno della sede di Tokyo di DMM, popolare piattaforma per lo streaming di video e giochi. Si tratta di un insieme di diversi elementi tecnologici che si snodano su cinque piani, per esperienze artistiche virtuali dal forte impatto emozionale, con anche un tavolo di lavoro al 27° piano, lungo un chilometro. Una passerella immersa nel verde conduce alle sale riunioni, attraverso interazioni emozionanti con il mondo animale. All’ingresso dell’ufficio di DMM, una cascata digitale attira i dipendenti in una sorta di giungla: quando una persona si avvicina, un’ apertura si materializza e svela ciò che sta dall’altra parte. Una parete digitale guida alle diverse sale riunioni, attraverso figure di animali che reagiscono quando richiesto, per semplificare gli spostamenti. Le scrivanie si attivano vibrando. Per teamLab “Lo scopo è quello di migliorare la comunicazione: essere più vicini a chi ci circonda, semplifica la comunicazione”.

Seoullo 7017 – Seoul
A Seoul, in Corea, è stato inaugurato primo parco autostradale, Seoullo 7017, il 20 maggio. Il parco si estende per circa 1 km e collega sette aree circostanti, tra cui la stazione di Seoul e Mercato Namdaemun, a 12 passaggi pedonali. Il nuovo parco è stato progettato dall’architetto olandese Winy Maas e dispone di oltre 24.000 alberi e piante di 228 specie, la maggior parte dei quali sono disposte in ordine alfabetico Hangeul da una estremità del parco all’altro. Tra loro è una serie di piccoli caffè, spazi per performance, negozi e altri servizi. L’apertura del parco è stata caratterizzata dalla scoperta di Shoes Tree, un’installazione artistica di 17 metri dell’artista ambientale Hwang Ji Hae, realizzata con oltre 30.000 scarpe usate: i visitatori hanno potuto appendere le loro scarpe all’installazione durante l’inaugurazione. Seoullo 7017 è un esempio di riutilizzo adattivo, una conversione di infrastrutture abbandonate e di edifici per nuovi scopi che vanno oltre la loro funzione originaria.

Paint by drone di Carlo Ratti Associati – Torino
Lo studio Carlo Ratti Associati ha sviluppato Paint by Drone, un sistema che utilizza i droni per realizzare disegni sulle facciate degli edifici. Il progetto mira a trasformare qualsiasi superficie vuota in uno spazio per l’espressione artistica partecipata e per la visualizzazione di dati urbani. Le prime due installazioni di Paint by Drone sono previste in autunno a Berlino e a Torino. I droni sono equipaggiati con sensori e barattoli di vernice da spruzzare sulle pareti. I colori sono quelli della quadricromia CMYK (ciano, magenta, giallo e nero) come avviene nei processi di stampa tradizionali. Un sistema di controllo centrale permette di far volare i droni e di tenere traccia della loro posizione. I velivoli senza pilota si muovono comunque all’interno di una rete per prevenire eventuali incidenti. I droni dipingeranno sulla base di disegni trasmessi tramite un’applicazione. Sugli edifici sarà rappresentato il lavoro di un singolo o quello di più persone raccolto grazie a piattaforme di crowdsourcing.

Descension di Anish Kapoor – Brooklyn Bridge Park – New York
La grande installazione Descension di Anish Kapoor è arrivata a Brooklyn, New York. Posizionata lungo il Pier 1 nel Brooklyn Bridge Park, l’impetuosa spirale d’acqua penetra la terra in una potente corsa di movimento incessante, attirando gli spettatori nel suo abisso. Presentata dal fondo d’arte pubblica come parte del suo 40° anniversario, l’opera è stata inaugurata in occasione della NYCxDesign 2017. Descension trasforma un materiale comune come l’acqua in una sostanza straordinaria, dal ‘comportamento’ incisivo, disturbando così codici e nozioni familiari. Con i suoi 8 metri di diametro, la piscina di acqua si spinge in un vortice che sembra crollare al centro e scendere nel terreno. L’opera è circondata da una ringhiera, permettendo agli spettatori di girare attorno.