Hits

300 – di Zack Snyder

Riconosciuta la proprietà privata in Cina

Campagna D&G ritirata in Spagna

Aracataca (Macondo) celebra Gabriel García Márquez – Colombia

DIFC Gulf Art Fair – Dubai


Hots

This is the First Day of My Life – Malmö Konsthall – Svezia
This is the First Day of My Life è un’esposizione che racchiude di 20 anni di sfide artistiche del duo Elmgreen & Dragset, presso la Konsthall di Malmö: performance, interventi e installazioni, architetture provocatorie, strutture sessuali e sociali combinate con una critica agli spazi istituzionali. Il titolo sembra lanciare la domanda: cosa accade a partire da ‘ora’? Quali le scelte e percorsi per questo ‘primo giorno’? Entrando alla mostra ci si confronta con un lungo e vuoto muro bianco e una serie di porte anonime, alcune delle quali portano il visitatore attraverso un ambiente complesso, una struttura a labirinto fatta da stanze segrete che rovesciano ogni aspettativa: ad esempio trovandosi all’improvviso in una lavanderia o in un night club. L’idea è quella di non dare niente per scontato, abbandonare le convenzioni e, attraverso l’imprevisto, tuffarsi in nuove esperienze.

Hotel Movil – Spagna
E’ stato presentato alla fiera turistica di Madrid Hotelmovil, il primo hotel mobile del mondo. Inventato e fabbricato dall’andalusa Fersa, l’innovativo albergo a cinque stelle consta di un trailer delle dimensioni standard di 135 mq che, grazie ad uno speciale sistema idraulico, diventa in 10 minuti hotel a due piani, con 8 camere doppie al primo piano e tre suite al secondo. Ciascun ambiente è dotato di letto matrimoniale, tv, dvd, doccia e aria condizionata, per una capienza totale di 50 persone. Già utilizzato per eventi sportivi, set cinematografici e congressi politici, l’Hotelmovil può essere affittato per la cifra di 8000 euro a weekend.

The Unheard Film Festival – Amsterdam
L’Unheard Film Festival (Festival del film mai sentito) è dedicato alla colonna sonora di un film e a tutte le forme che può assumere. Nella sua seconda edizione e solo per 5 giorni, dal 20 al 24 marzo, tutti gli elementi sonori di un film sono stati approfonditi ad Amsterdam. Durante l’evento, artisti e bande, come Solex, Ghost Trucker e Die Anarchistische Abendunterhaltung, hanno presentato le loro interpretazioni musicali di un film esistente, in teatro e dal vivo, mentre gli studenti di varie Accademie di suono e musica da tutta l’Europa hanno partecipato al concorso per la miglior colonna sonora per un corto esistente. Contemporaneamente è stato possibile votare il miglior video on-line.

Centochiodi di Ermanno Olmi
Il film Centochiodi, di Ermanno Olmi, narra la storia di un affermato professore universitario che lascia tutto, insegnamento e società, per trasferirsi in una piccola comunità rurale sulle tranquille rive del Po. Il film, che nelle intenzioni del regista sarà l’ultima storia raccontata, quella più importante perchè nata con “la consapevolezza che l’ultimo atto riassume il senso di tutta la tua esistenza”, trasmette la convinzione della centralità e della sacralità dell’uomo nel mondo. In Centochiodi si ripercorre la parabola del “Cristo Uomo, … che possiamo ancora incontrare in un qualsiasi giorno della nostra esistenza: in qualsiasi tempo e luogo. Il Cristo delle strade, … e non quello dei libri, quando libri e altari diventano comoda formalità, ipocrita convenienza o addirittura pretesto di sopraffazione.”

Graffiti di luce – New York
Addio a vernici e bombolette: ora i graffiti si fanno col laser. L’idea è venuta al gruppo Graffiti Research Lab, che dopo aver operato sui palazzi di Rotterdam, ha dichiarato per questo mese New York “città aperta”: aperta alla fantasia di tutti gli artisti di strada che vorranno usarne i grattacieli come tavolozza per le loro creazioni, rigorosamente di luce. Eyebeam presenta una mostra e una serie di proiezioni gratuite che svelano gli strumenti e le tattiche impiegate dagli artisti del graffito per appropriarsi degli spazi delle città, proponendo una riflessione sul significato e le motivazioni dell’azione e creatività in ambito urbano.

COS (Collection Of Style) – Londra
COS è il nuovo concept di H&M il cui obiettivo è proporre moda aspirazionale per un grande pubblico mediamente adulto sulla fascia medio-alta del mercato. La prima collezione è composta da capi moda molto essenziali, classici reinventati e dagli ultimi trends, e la business idea di COS è moda e qualità al miglior prezzo. COS ha aperto il primo flagship store, disegnato da William Russel che ha nel suo pedigree negozi per Alexander McQueen e Margaret Howell, in UK, a Londra, il 16 marzo, nella centralissima Regent Street. I negozi COS saranno collocati nelle maggiori città europee, e dopo Londra sono previste aperture in Germania, Belgio e Olanda entro la fine di marzo. Entro la fine del 2007 sono previste 10 nuove aperture. I negozi COS sono pensati per essere allo stesso tempo accoglienti e ispirati, con musica, luci e spazi per migliorare l’ambientazione.

I 10 anni di Colette – Parigi
Festeggia 10 anni di vita Colette, il concept store parigino diventato modello ed esempio per tanti negozi di moda, food, books e design in tutto il mondo. Per celebrare lo storico evento, Colette ha dato il via ad una serie di collaborazioni con brand amici dello store, dalle quali collaborazioni è sgorgata una serie di prodotti esclusivi ed in edizione limitata, che stanno andando a ruba tra i fashion addicted ad oltranza parigini. Cartier, Lucien Pellat-Finet, Linda Farrow, Repetto, Aprosio & Co, Alexis Mabille sono solo alcuni dei marchi che festeggiano l´evento assieme a Colette. In più Colette ha affidato a 10 curatori il compito di allestire 10 miniesibizioni dei loro artisti contemporanei preferiti.

Due biografie su Orson Welles – USA
Escono negli Stati Uniti quasi contemporaneamente due biografie dedicate al mito del cinema americano, il regista e attore Orson Welles: Orson Welles. Hello Americans. Vol. 2, di Simon Callow e What Ever Happened to Orson Welles?: A Portrait of an Independent Career, di Joseph McBride. Fu una personalità complessa e nei due testi infatti è narrato con caratteristiche molto diverse, ma mai aneddotiche dai due autori. Artista eclettico, che forse non si è mai realizzato in maniera adeguata ai suoi mezzi, viene descritto dagli autori non solo attraverso i film, ma la vita privata e le scelte politiche.

Mostra Open House – Vitra Design Museum – Art Center College of Design – Pasadena (USA)
Open House, è un progetto espositivo realizzato da Vitra Design Museum in collaborazione con l’Art Center College of Design of Pasadena. I 15 architetti e designer invitati, hanno dato una personale visione e approccio alla domanda: ‘Che potenziale hanno le nuove tecnologie e i materiali contemporanei nell’utilizzo per l’abitare domestico e per le architetture residenziali di domani?” Le risposte, visionarie e lungimiranti, sono state presentate in ‘Open House’ attraverso modelli, installazioni interattive e video, che affrontano l’evoluzione dell’habitat domestico, nello sviluppo di archetipi relazionali e di connessioni immateriali, nello scambio fra pubblico e privato.

Life Chiude – USA
La rivista Life, nata nel 1936, ha pubblicato le immagini a stelle e strisce più belle soprattutto nelle sue memorabili copertine. Ma adesso è costretta a chiudere. Un viale del tramonto cominciato da molti anni: negli ultimi tempi era diventato solo un supplemento, allegato a 103 quotidiani made in Usa. Il magazine rinascerà sul web: la sua collocazione internettiana impedirà che a morire sia il suo straordinario archivio. Una bella fetta di memoria fotografica americana: e davvero sarebbe stato un delitto, farla sparire definitivamente. L’ultimo numero in edicola sarà quello del 20 aprile.