Hits

Installazione The Floating Piers di Christo e Jeanne Claude- Lago d’Iseo – Italia

Libro The Inevitable di Kevin Kelly

Elegy for the Artic di Ludovico Einaudi per Greenpeace – Isole Svalbard – Norvegia

Taking Care di TAMassociati – Padiglione Italia – Biennale Architettura 2016 – Venezia

Mostra di Olafar Eliasson – Castello di Versailles – Parigi


Hots

Flow of London – Regno Unito
A partire dal 20 giugno scorso su Tumblr sono apparse immagini di strani personaggi in cartone, fotografati prima su sfondi neutri e poi mostrati in giro per Londra, ritratti davanti a negozi, seminascosti tra aiuole, o imprigionati dietro grate urbane. Flow of London è il nome del progetto dietro il quale si nasconde l’autore o gli autori di cui fino ad oggi non si conosce identità o numero dei componenti del gruppo. In poche settimane le immagini e i personaggi si sono moltiplicati diventando una presenza diffuse nella città di Londra. Chiaramente ispirati alle opere di Jean-Michel Basquiat e Claes Oldenburg, gli strano personaggi sono realizzati in cartone e creano un effetto di straniamento e allo stesso tempo di pura poesia artistica

Libro Family Photography Now di Sophie Howarth e Stephen McLaren
Family Photography Now di Sophie Howarth e Stephen McLaren è un’interessante antologia che esplora le complesse dinamiche della vita familiare contemporanea. Quaranta fotografi internazionali presentano immagini, album e foto d’archivio, molte delle quali mai pubblicate precedentemente all’interno di un libro. Attraverso le immagini si approfondiscono le dinamiche dei rapporti tra i fratelli e le sorelle, i genitori e i figli, le famiglie allargate e i suoceri, gli emarginati e gli adottati. Due saggi critici molto acuti analizzano come le fotografie siano diventate uno strumento essenziale per le famiglie per conservare la propria memoria, rafforzarne l’identità e comprendere i legami emotivi. Questo libro interessa tutti coloro che sono curiosi di conoscere la vita degli altri e quanti delegano alla fotografia la capacità di celebrare o dare un senso alla propria famiglia.

OFF Paris Seine – hotel galleggiante sulla Senna – Parigi
Il primo hotel galleggiante di Francia chiamato OFF Paris Seine è stato aperto a Parigi, dando la possibilità ai visitatori di avere di uno stile di vita balneare nel cuore della capitale. L’elegante e moderno hotel OFF Paris Seine è stato inaugurato a giugno, su una chiatta appositamente costruita, ancorata sulla Senna. L’hotel di 58 camere è stato progettato dal team Seine Design specializzato in strutture galleggianti. Ancorata vicino alla Gare d’Austerlitz, è la barca più grande ormeggiata in città. Gli ospiti possono godere della vista del fiume mentre sono sdraiati sul bordo della piscina dell’hotel. C’è anche un cocktail e tapas bar, che è aperto agli ospiti esterni. L’hotel si aggiunge al numero crescente di possibilità che si trovano lungo la Senna, che la città continua a sviluppare come destinazione. Lanciato nel 2002 e ampliato nel 2007, il progetto Paris-Plages ha contribuito a sviluppare le rive della Senna, come una spiaggia urbana.

installazione contro la Loi Travail di JR – Le Havre – Francia
Street art contro il jobs act: un pugno chiuso alto 15 metri è spuntato, a Le Havre (Seine-Maritime, Francia), tra i container del porto. E’ l’opera dell’artista e attivista urbano JR, realizzata, su una dozzina di container impilati, con la collaborazione dei portuali in lotta contro la “Loi Travail”, il Jobs Act francese. Questa installazione – un’immagine e presenza forte, in bianco e nero, simbolo della protesta dei lavoratori – è stata resa possibile grazie alla collaborazione attiva dei portuali di Le Havre, tra venerdì 10 e lunedì 13 giugno quando è stato rimontato sul quai de l’Europe. Già nel 2014, JR e i portuali avevano collaborato per un’opera gigantesca di street art, con 161 container dove, con la tecnica del collage fotografico, erano stati ripresi gli occhi di un giovane keniano.

Scarpe Adidas per Parley
La marca tedesca di abbigliamento sportivo Adidas ha ideato un nuovo modello di scarpa da ginnastica ecosostenibile. L’idea è nata in collaborazione con l’organizzazione ambientale Parley For The Oceans, che si batte per la protezione e il rispetto degli oceani e per la protezione della biodiversità. Il modello viene realizzato quasi interamente con la plastica riciclata, utilizzando reti e rifiuti trovati in mare. La maggior parte delle reti per il progetto è stata donata dall’associazione ambientalista The Sea Shepherds, che ha recuperato circa 72 chilometri di reti, utilizzate nella pesca illegale in Africa occidentale da un gruppo di trafficanti che erano ricercati dall’Interpol. Alcune reti verdi vengono utilizzate sul dorso della scarpa per decorarla, mentre il resto dei rifiuti di plastica serve a costruire la struttura della scarpa.

Installazione The Canopy di Rebecca Louise Law – Melbourne
Questa giovane artista inglese ha realizzato un’istallazione all’interno dell’Eastland mall di Melbourne che crea una volta floreale sulle teste dei visitatori, immergendoli in un ambiente naturale capovolto. Fatta interamente a mano, l’opera si compone di 150mila fiori appesi a testa in giù, provenienti dalla flora australiana. Rose, ortensie, protee, statice, rodanthe e velo di sposa sono stati fatti seccare, durante un workshop che ha coinvolto volontari e appassionati in un team di lavoro, e poi abbinati per creare la composizione che fa da tetto al “beauty garden”, uno spazio dedicato a prodotti per la bellezza che si lega a doppio filo alla natura e al mondo vegetale.

Avis Untrending
La nota società di noleggio ha lanciato Avis Untrending, un tool interattivo che permette ai turisti di scoprire posti alternativi a pochi chilometri in auto dalle loro destinazioni di vacanza. Creato per ispirare i viaggiatori e stimolarli a visitare posti nuovi, Avis Untrending offre consigli basati su dati di viaggio di Avis in 11 paesi e sul rating ‘Untrending’ che misura il numero di hashtag sui social media di ogni località. Quanto più basso è il punteggio, tanto più è alta la posizione in classifica della destinazione. Tra i primi dieci posti in classifica figurano le italiane Colle Val d’Elsa e Siracusa.

Ristorante D’O di Davide Oldani – Cornaredo
Il nuovo ristorante D’O di Davide Oldani a Cornaredo è pronto per accogliere i primi ospiti. Il locale, progettato dallo Studio Lissoni è pensato come una grande casa, si affaccia sulla piazza del paese attraverso grandi vetrate, ha un salotto e un grande tavolo conviviale che accoglierà i commmensali. Tavoli, sedie, stoviglie, bicchieri sono stati disegnati dallo stesso Oldani, e le sedie hanno un ripiano per appoggiare la borsa e uno per il telefonino e le chiavi. La componente ludica ha un ruolo da protagonista non solo nella progettazione dell’ambiente, ma anche nella cucina: ad esempio “Battuta d’inizio” è una portata che simula campo da tennis. E’ costituita da un letto di teff (un cereale che cresce come l’erba), una pallina di burro di cacao, formaggio cremoso, marmellata di cipolla e una racchetta/cucchiaio.

Inaugurazione della Switch House Opening – Tate Modern – Londra
La più famosa galleria d’arte contemporanea del mondo ha visto la luce dopo l’opera multimilioniaria di rinnovamento. La nuova estensione della Tate Modern la Switch House aumenta la dimensione della galleria del 60%. L’eccentrico edificio piramidale è stato progettato dagli architetti Herzog & de Meuron, che avevano realizzato la conversione della Bankside Power Station nel 2000. Questa nuova parte della galleria offre molte esperienze emozionanti per i visitatori e sottolinea la trasformazione della Tate negli ultimi anni. Il riallestimento propone 800 opere di oltre 300 artisti provenienti da oltre 50 Paesi dal Cile all’ India, dalla Russia al Sudan e alla Thailandia. Nella Switch House sono stati recuperati i serbatoi preesistenti – il primo spazio museale permanente dedicato a vivere l’arte – e spazi innovativi per l’apprendimento, nonché una terrazza panoramica di osservazione pubblica al Livello 10, che offre ai visitatori una prospettiva completamente nuova su Londra.

Volata, la bici hi-tech
Progettata a Milano e assemblata in California, Volata combina un elegante design italiano e tecnologia moderna in un prodotto innovativo. Il primo modello al mondo è il passo successivo nell’evoluzione della bicicletta classica e fornisce una soluzione completa per i pendolari e appassionati di ciclismo. Nel manubrio è presente un piccolo computer di bordo con display a colori: qui è possibile visionare tutte le proprie performance, il battito cardiaco e le calorie bruciate, ma anche il meteo e soprattutto le indicazioni visive del navigatore Gps che indica la strada migliore per raggiungere la destinazione. Le caratteristiche di sicurezza includono un localizzatore Gps con un sistema antifurto che trasmette la posizione e lo stato della bicicletta al proprietario. Il computer della bici dialoga costantemente con lo smartphone attraverso il bluetooth e si autoricarica grazie a una dinamo posizionata nella ruota anteriore. Volata costa 3499 dollari ed è possibile prenotarla con 299 dolari. Consegna prevista per luglio 2017.