Hits

Padiglione Serpentine Gallery 2013 di Sou Fujimoto – Londra


Hots

Alloggi temporanei per i bambini rifugiati da IKEA
In occasione della Giornata mondiale del rifugiato del 20 giugno, la Fondazione IKEA ha annunciato una importante collaborazione con l’Agenzia per i Rifugiati delle Nazioni Unite (UNHCR) per la progettazione di un nuovo tipo di rifugio che sostituirà le tende utilizzate attualmente nei campi profughi di tutto il mondo, ormai obsolete. In linea con la filosofia IKEA, il risultato è un prodotto modulare piatto che può essere montato in sole 4 ore. Gli alloggi avranno una durata maggiore delle tende: un miglioramento importante, in quanto una famiglia resta mediamente in un campo profughi per 12 anni. Ulteriori vantaggi sono: maggiore spazio e privacy, migliore controllo della temperatura interna ed energia solare sufficiente per l’illuminazione notturna.

Libro Crazy Rich Asians di Kevin Kwan
Crazy Rich Asians, debutto letterario di Kevin Kwan, descrive l’ascesa della potente über-elite asiatica. Narra la storia e le complicate vicende di tre famiglie (gli Youngs, i Shangs e i T’siens), e al lettore viene proposto un ritratto intimo e dettagliato della loro capacità di spesa e di investimento, attraverso le relazioni che nascono e crollano in grande scala intorno alla loro straordinaria ricchezza. Anche se la storia racconta la relazione di una giovane coppia, Rachel Chu e Nicholas Young, il suo vero focus sono gli status symbol e i valori della nuova classe di ricchi cinesi cosmopoliti. Ci sono jet privati (equipaggiati con sale yoga), isole di proprietà privata, favolosi resort, e gruppi di studio sulla Bibbia dove le donne sono più appassionate di occasioni di acquisto che di versetti biblici. Una lettura di grande intrattenimento nella quale Kwang fornisce anche, come una forma di educazione del lettore, centinaia di note a piè di pagina con traduzioni di parole in cantonese, hokkien e mandarino, come una spiegazione supplementare della cultura e della società.

Tweet da favola – Sestri Levante
Sabato 8 giugno è stata organizzata la premiazione all’interno del Premio H. C. Andersen 2013, realizzata dal Comune di Sestri Levante con la collaborazione del Secolo XIX e dedicato al genere letterario delle favole. In questa edizione per la prima volta, è stato proclamato anche il vincitore del premio Tweet da favola, aggiudicato a Rosa Tiziana Bruno – insegnante e sociologa – con una favola lunga un tweet, cioè non più di 140 caratteri. Sono più di 1500 le persone che hanno partecipato alla selezione dei 15 finalisti, postati su Facebook e votati dai lettori social. A lanciare l’idea è stata l’agenzia di comunicazione BoccaccioPassoni. I personaggi potevano essere noti o di fantasia e i testi scritti in lingue diverse. Sono stati premiati i tre che hanno raggiunto il maggior numero di “like”.

Ristorante per singles “Eenmal” – Amsterdam
Ad Amsterdam ha aperto Eenmaal (monoporzione), il ristorante con tavoli da un solo cliente. Si tratta di un esperimento temporaneo della durata di 48 ore, anche se non si esclude di farne un format permanente. La fondatrice e designer Marina van Goor nel descrivere la sua creazione spiega che “Qui si può cenare in piacevole solitudine, vogliamo contribuire a sfatare il tabù che mangiare da soli in un luogo pubblico sia qualcosa di negativo. Vogliamo rendere questa ‘esperienza’ più attraente e far sentire i clienti rilassati e a proprio agio”. Nel locale, arredato con tavoli cubici singoli e sedie vintage, viene offerto un menu vegetariano a prezzo fisso composto da quattro portate.

Risultati del concorso Design for Death
Designboom ha organizzato un concorso sul tema funebre in collaborazione con la Lien Foundation, la ACM Foundation e sponsorizzato dalla National Funeral Directors Association (NFDA). Con il concorso “Design for Death” Designboom ha invitato i partecipanti ad esaminare gli aspetti culturali attorno al tema della morte e del morire allo scopo di allargare gli orizzonti oltre la tradizione ed i sistemi in uso. Sono giunte in totale 2050 proposte da 96 Paesi. I francesi Pierre Rivière e Enzo Pascual hanno vinto nella categoria “Eco green” con un progetto chiamato “Emergenza” dove un cimitero è visto come un serbatoio di vita – costituito da cemento biologico che assorbe anidride carbonica e produce elettricità. Asta Sadauskaite e. Loucas Papantoniou da Lituania e Grecia hanno primeggiato nella categoria “Vestizione della mortalità” impressionando la giuria con il semplice ma forte “Albero genealogico”: un insieme di urne a nido d’ape ricoperte di LED che servono come luogo di eterno riposo per intere famiglie.

Average Barbie di Nickolay Lamm
Come sarebbe Barbie se, invece di avere le misure sproporzionate che tanti criticano, avesse le misure corporee di una teenager 19enne americana qualunque? La risposta è Average Barbie: una ricostruzione di Barbie creata, grazie alla tecnologia digitale e alle stampanti 3D, dal giovane artista e ricercatore Nickolay Lamm, che ha utilizzato le corrispondenti misure corporee messe a disposizione dal CDC americano (Centers for Desease Control). “Se Barbie rimane bella anche con le proporzioni di una donna normale e c’è anche una minima possibilità che essa influenzi le ragazze giovani, perché non possiamo creare una bambola dalle misure medie?” ha detto Lamm intervistato da TIME, “la media è bella”.

Dosso energetico – Italia
Una start-up tutta italiana, Underground Power, ha portato alla progettazione di Lybra, il primo dosso stradale che canalizza l’energia cinetica prodotta dalle auto in transito per trasformarla in corrente elettrica alternata da utilizzare. Il progetto ha trovato un partner finanziatore in Auchan, alla ricerca di un dispositivo per aumentare la sostenibilità ambientale dei suoi centri commerciali. Dall’incontro felice è nata la prima sperimentazione di Lybra, installato, a fine giugno 2013, nel centro commerciale Auchan di Rescaldina (MI).

James Turrell artista della luce – tre mostre – Stati Uniti
James Turrell rende la luce un fenomeno artistico. “Di solito usiamo la luce per rivelare l’immagine,” dice “Io vorrei che la luce fosse la rivelazione, voglio che la gente consideri la luce come un tesoro”. Tre musei – il LACMA, il Museum of Fine Arts di Houston e il Guggenheim Museum di New York – stanno riconoscendo l’influenza e le opere di questo artista, leader del movimento di avanguardia Luce e Spazio degli anni ’60, che ora ha quasi 70 anni. Aten Reign, installazione all’interno della rotonda del Guggenheim, ricrea artificialmente la luce della nostra stella principale, ricreando energia e lasciando che la luce naturale filtri in scena. Aten Reign evidenzia i possibili effetti psicologici dei colori e sfida gli spettatori a riflettere su come percepiamo le cose.

#DREAM40 di RSC e Google+
The Royal Shakespeare Company e Google+ si sono unite per un allestimento sperimentale e innovativo del “Sogno di una notte di mezza estate” di Shakespeare. Il progetto si articolava attorno a una performance dal vivo di tre giorni, coincidenti con il reale svolgimento dei fatti raccontati dal grande commediografo inglese. L’evento ha avuto luogo nella sede di RSC a Stratford-upon-Avon e on-line sul sito Dream 40. La commedia è stata trasmessa in streaming on-line e gli spettatori di tutto il mondo sono stati invitati a contribuire con l’invio di immagini, pensieri, video e tutto ciò che potesse riguardare i pensieri dei personaggi, rendendo il capolavoro di Shakespeare un pezzo di vita quotidiana contemporanea.

City Churned di Ben & Jerry’s – Stati Uniti
Il cuore della loro favolosa produzione sono i gelati, con la campagna di comunicazione ‘City Churned‘ Ben & Jerry’s offre a tutti i fan di decidere qual è il gusto più ‘vicino’ ad alcune città. Un progetto per ora lanciato su cinque mercati degli USA: New York, Washington D.C., San Francisco, Portland e Seattle. Per ogni città un micro-sito registra in tempo reale i voti dei residenti e delle persone che desiderano segnare il loro ‘passaggio’ con una preferenza e una personale esperienza dell’immaginazione e dei sensi. Vengono così monitorate specifiche attività di ogni città, creando delle mappe della mobilità, con connessioni fra luoghi e sapori, fra identità e gusto. Con ‘City Churned’, oltre a rendere un tributo al genius loci urbano, Ben & Jerry’s ha stretto partnership commerciali con produttori locali per reperire i migliori ingredienti per i gusti selezionati.