Hits

Discorso di J.K. Rowling “I benefici del fallimento e l’importanza dell’immaginazione” – Harvard

Concerto dei Duran Duran al Louvre – Parigi

Mostra Dubai Next: Face of 21st Century Culture – Vitra Design Museum – Weil am Rhein – Germania

Europa Film Treasures

Il falso sito ufficiale delle Olimpiadi di Pechino


Hots

1a Biennale Internazionale Itinerante – Tehran
I commissari Serhat Koksai e Amiral Ghasemi hanno voluto che tutto entrasse in una valigia. Testi, video, fotografie, testimoni della vitalità della scena artistica iraniana. Una valigia, per contenere la prima edizione della International Roaming Biennial of Tehran. Rassegna che sarebbe piaciuta a Marcel Duchamp, autore della famosa boîte-en-valise. E come ogni Biennale che si rispetti, ha anche un altisonante tema, “Gelosia Urbana” (la gelosia intesa come quel tipo di serramento della persiana, che permette di guardare fuori senza essere visti). A differenza delle altre Biennali c’è un particolare: se voi non potete recarvi a visitarla, sarà lei a venire da voi, essendo itinerante. Dopo la prima tappa a Istanbul, si imbarcherà letteralmente per una serie di voli internazionali…

IKEA landmarks – New York
IKEA, leader mondiale nella vendita di mobili e complementi d’arredo, per promuovere l’apertura di un nuovo negozio a Brooklyn, ha proposto una campagna pubblicitaria basata sull’idea di ricreare sculture gigantesche dei vari luoghi-chiave (landmarks) della città di New York. Gli IKEA landmarks sono stati costruiti usando centinaia di scatole di cartone con il marchio IKEA, e questi luoghi iconici hanno indicato il punto dove si sarebbero svolti vari happenings organizzati dell’azienda. IKEA Brooklyn è composto da 50 diversi tipi di stanze arredate, un area dedicata ai più piccoli, ed un ristorante di 450 posti con vista sul profilo di Manhattan e la Statua della Libertà.

Helmut Newton Photo Machine per Topshop
Il grande fotografo Helmut Newton inventò la Newton Photo Machine negli anni settanta: un perfetto set fotografico in cui però la modella si sostituiva al mago del click scegliendo il preciso istante della posa e degli scatti. Topshop e il Helmut Newton Estate espongono in giugno nei negozi di Londra Oxford Circus, Manchester e Dublino la stessa preziosa attrezzatura fotografica di Helmut Newton. Topshop ricrea l’originale concetto fotografico degli anni ’70 portando la Helmut Newton Photo Machine dentro i suoi negozi in modo che le sue clienti possano vivere un loro speciale momento. Possono essere fotografe, modelle e stiliste, tutto nello stesso momento, entrando semplicemente in uno dei negozi, mettendosi in posa e premendo un bottone.

L’inventore del tubo Pringles sepolto nel barattolo da lui inventato – Springfield – USA
Le Pringles sono conosciute in tutto il mondo soprattutto per il loro caratteristico packaging cilindrico. La geniale invenzione risale al 1966 ed è stata ideata da Fredric. Baur. Il ricercatore di Cincinnati ne andava particolarmente fiero, tanto che il suo desiderio più forte era proprio quello di essere unito per sempre, una volta morto, con l’invenzione. La sua ultima volontà è stata ora rispettata dai figli: le sue ceneri sono state tumulate in una confezione delle celebri chips. presso il cimitero Arlington Memorial Gardens di Springfield in Ohio. Baur ha lavorato per la Procter & Gamble fino al 1980, prima andare in pensione. Ed oggi sembra continui a collaborare come testimonial post mortem.

T&F Traceability & Fashion – Italia
In Italia è stato messo a punto ed è ora operativo un sistema per la tracciabilità dei prodotti dell’intero comparto moda. Abiti, calzature e oggetti di pelletteria potranno essere accompagnati da un’etichetta che ne garantirà la provenienza, qualificando la produzione ed il luogo d’origine della lavorazione. Questa etichetta, per ora rilasciata alle prime 11 aziende che hanno fatto richiesta, è un modello di certificazione volontario elaborato da ITF, l’associazione delle Camere di Commercio per la valorizzazione del sistema moda, ma al contempo risponde anche alla richiesta di maggior informazione e trasparenza da parte dei consumatori.

Spot Doritos trasmesso nello spazio
Per la prima volta nella storia della pubblicità un messaggio pubblicitario è stato trasmesso oltre il sistema solare: l’azienda americana che produce i Doritos ha trasmesso per oltre sei ore lo spot del suo snack oltre il sistema solare. Il messaggio – tramite i radar potentissimi dell’EISCAT, stazione spaziale cofinanziata da vari paesi del mondo – è stato inviato a 42 anni luce di distanza dalla Terra, in direzione dell’Orsa Maggiore dove esiste una stella simile al Sole, che potrebbe avere dei pianeti con caratteristiche simili alla Terra, e, quindi, forme di vita aliena.

A Life 4 Sale – Australia
Un uomo ha messo all’asta tutta la propria vita, incluse casa auto ed amici per 265000 euro su ebay. Ian Usher, un inglese emigrato in Australia sei anni fa, ha deciso di vendere tutto quando il suo matrimonio è andato in crisi, perché tutti i suoi averi gli ricordano della ex- moglie. Usher valuta in 265000 euro il valore dei beni, ma dichiara che il denaro non è un fattore rilevante. L’asta include un appartamento a Perth ed il suo contenuto, comprensivo si auto, moto, moto d’acqua e attrezzatura da paracadutismo. Ha messo in vendita anche i contatti con gli amici e un apprendistato come assistente di vendita in un negozio di tappeti. Usher intende utilizzare i proventi dell’asta per viaggiare.

Murale Astro boy – Metropolitana di Tokyo – Giappone
Il Giappone ama Astro Boy ancor più di Mickey Mouse e non sorprende che il piccolo robot con il viso da ragazzo, si ritrovi ancora ovunque, anche se il suo show e la serie manga si siano conclusi alcuni decenni fa. La più recente installazione artistica che riguarda Astro Boy è un murale composto da 138.000 biglietti riciclati della metropolitana di Tokyo. Si tratta di Pixel Art, realizzata in occasione dell’apertura della nuova linea metropolitana Fukutoshin e raffigura Astro Boy, Uran, il professor Ochanomizu e Higeoyaji. Creato da artisti volontari dell’area cittadina, il murals può essere ammirato ora nel Takashimaya Department Store di Shinjuku.

Tutto torna di Enrico Pitzianti
Grande successo ha riscosso, nelle sale sarde, il film Tutto torna di Enrico Pitzianti, piccolo fenomeno cinematografico che testimonia la nascita di un cinema sardo moderno, capace di parlare, in maniera seria ma utilizzando i toni della commedia, della realtà sarda di oggi. Le uniche 8 copie della pellicola sono state viste da centomila spettatori in sole tre settimane, generando un successo che ha portato la commedia in tutte le più grandi città italiane. Dal 13 giugno, infatti, il film – realizzato con contributi statali, della regione e della città di Cagliari – è approdato nel continente, spostando le uniche 8 copie prodotte che già giravano per la Sardegna.

L’abito di Michelle Obama – USA
L’apparizione televisiva di Michelle Obama in un abito bianco e nero, ha trasformato la moglie del candidato presidenziale in una icona della moda. Durante una puntata di The View, ha dichiarato che ha comprato l’abito (caratterizzato da una stampa a foglie) da White House Black Market per 148 dollari. La designer del capo è Donna Ricco, che da 20 anni lavora per negozi di grande distribuzione come White House Black Market, Macy’s e Nordstrom. In poche ore, l’intero stock di 78 abiti di Donna Ricco è andato esaurito e il suo sito web personale ha avuto oltre 2000 contatti. E ora sta lavorando intensamente per soddisfare un nuovo ordine di oltre 3000 “Obama dresses”.