Hits

Vetrina artistica Hermes – studio Zim & Zou – Barcellona

Kindle Unlimited di Amazon – Stati Uniti

Video La La La di Shakira


Hots

Scarpe limited edition di COS – Park Nights – Serpentine Gallery – Londra
COS, la nota azienda di abbigliamento, per il secondo anno consecutivo, sponsorizza e sostiene il progetto della Park Nights della Serpentine Gallery a Londra. Un appuntamento culturale prestigioso con un calendario di eventi che propone sperimentazioni artistiche, performance musicali e progetti multimediali. Per l’occasione e per sottolineare il suo impegno a supportare la creatività e l’arte moderna e contemporanea, COS ha creato due modelli di scarpe in limited edition uno maschile e uno femminile, che rispecchiano appieno la filosofia aziendale. Le scarpe Cos rielaborano il loro classico stile minimale attraverso dettagli che le rendono uniche e senza tempo. Presentate nel negozio COS in Regent Street, saranno inoltre disponibili online sul sito ufficiale cosstores.com e ovviamente presso la Serpentine Gallery.

Vangelo secondo Matteo – Biennale Danza 2014 – Venezia
A Venezia, per la Biennale Danza 2014, prima assoluta di Vangelo secondo Matteo, uno spettacolo composto da 27 quadri: un viaggio negli sguardi, nei volti, e nei gesti di 163 interpreti. Lo spettacolo nella sua completezza è presentato nei primi tre week end di luglio al Teatro alle Tese. “Con il progetto Vangelo secondo Matteo, ricorda il coreografo e Direttore del Settore Danza Virgilio Sieni, e attraverso un intenso ciclo di pratiche volte alla creazione, intendiamo proporre una serie di quesiti sui concetti di comunità, gesto, luogo e dettaglio”. Si tratta di una vera comunità – tra danzatori, anziani, bambini, non vedenti, artigiani, madri, padri e figli – che interpreta gli episodi del Vangelo: dall’Annuncio dell’angelo e dall’Ingresso a Gerusalemme fino all’Ultima cena e alla Crocefissione, in una polifonia di azioni coreografiche rappresentate in simultanea lungo le navate del Teatro alle Tese, dove il pubblico potrà sostare come davanti ai quadri di una mostra. “Gesti e volti, adiacenze e sguardi daranno luogo ad un affresco che intende far emergere il senso di comunità, del vivere donando alla figura e al corpo il gesto della danza”.

Installazione The Physical Possibility of Inspiring Imagination in the Mind of Somebody Living di Walter Hugo e Zoniel – Gazelli Art House – Liverpool
Gli artisti inglesi Walter Hugo e Zoniel hanno scelto un luogo insolito, un edificio abbandonato nel quartiere Toxteth di Liverpool, per la presentazione del loro lavoro più recente. Si tratta di una grande installazione site-specific: una vasca piena di meduse nascosta in un negozio in High Park Street. Durante il giorno la serranda del negozio è chiusa, ma di notte, alle 22:00 si apre per rivelare il serbatoio d’acqua illuminato con le 20 meduse vive. Il video dell’installazione, conosciuta come The Physical Possibility of Inspiring Imagination in the Mind of Somebody Living è stato proiettato in tempo reale sulla facciata della galleria che sponsorizza l’opera d’arte Gazelli Art House in Dover Street di Londra, durante la Biennale d’Arte di Liverpool.

The Opera Machine – Royal Opera – Londra
La Royal Opera di Londra ha recentemente lanciato The Opera Machine, una visione interattiva del dietro le quinte di una produzione teatrale durante una performance. Diciassette diverse telecamere hanno ripreso una vera rappresentazione del terzo atto di Die Walküre di Wagner. Lo spettatore può scegliere di vedere contemporaneamente tutte le inquadrature, oppure una alla volta, e anche scegliere tra diverse tracce audio: musica, radio del palco oppure commento. The Opera Machine mostra come cantanti, musicisti, attori, registi, tecnici e direttori di scena lavorano insieme al fine di creare la magia dell’opera. The Opera Machine è stata progettata e costruita da Play Nicely, studio di design multidisciplinare.

P’tit Vélib – bike sharing per bambini – Parigi
P’tit Vélib, lanciato come estensione di Vélib, è il programma di bike-sharing di Parigi che ha riscosso molto successo e costituisce un modello per gli altri servizi simili nel mondo. P’tit Vélib è, infatti, il primo programma di bike-sharing al mondo a includere biciclette per i bambini, tra cui alcune munite di rotelle per i bambini dai tre anni in su. Al momento sono disponibili 300 biciclette complete di caschi: si possono prendere in affitto presso cinque postazioni in città, ma altre ne saranno aperte durante l’estate. I prezzi variano da 4 a 6 euro all’ora. Si tratta di un’idea che nasce da un’esigenza espressa dai cittadini. In un sondaggio condotto dal Comune di Parigi nel 2012, l’ufficio ha, infatti, scoperto che l’86% delle famiglie parigine era interessato ad un servizio di biciclette per bambini. Ecco che due anni dopo, il servizio è nato! P’tit Vélib ha lo scopo di insegnare ai bambini parigini come pedalare in giovane età, tentando di introdurre la cultura della bicicletta presso le generazioni più giovani, per diminuire il numero di auto presente sulle strade.

Libro 935 Bugie di Charles Lewis
Nel libro 935 Lies (935 Bugie) Charles Lewis, giornalista investigativo, promotore del seminario di giornalismo investigativo alla Scuola di Comunicazione dell’American University di Washington D.C. e fondatore del Center for Public Integrity affronta il tema della guerra in Iraq, rivelando ben 935 affermazioni al riguardo, da parte dell’amministrazione Bush, che non corrispondono alla realtà dei fatti. L’autore parte dall’idea che attualmente, con la diffusione di internet, sia diventato molto più difficile distinguere l’effimero dalla realtà, con una conseguente riduzione del principio di autorità, soprattutto delle istituzioni. Il suo libro esamina i vari modi in cui la verità può essere manipolata e distorta da governi, aziende e perfino singoli individui. Egli mostra come la verità – se non mistificata o svilita dal ritardo della comunicazione – può evitare terribili scelte sbagliate.

Unboxed di Made.com – Regno Unito
Made.com, retailer on line inglese di oggettistica e arredi di design, ha lanciato Unboxed, un social network che si basa sull’idea di consumo collaborativo e permette ai clienti di potersi scambiare ispirazione condividendo le foto dei prodotti nel contesto reale della propria casa. Idea testata con successo al Salone del Mobile di Milano, ora Unboxed è una realtà per i clienti del regno Unito. Il network crea uno “showroom diffuso” che fa risparmiare denaro all’Azienda e ai clienti, liberi di curiosare nelle case di altre persone, alla ricerca di un prodotto specifico di proprio interesse o semplicemente selezionando un quartiere, usando il codice postale per la ricerca.

I Nuotatori di Attilio Fiumarella – Birmingham
Negli ultimi mesi il fotografo Attilio Fiumarella ha lavorato per documentare il degrado ed il rischio di abbandono che minaccia i Bagni di Moseley Road, edificio storico sottoposto a tutela. A coronamento del progetto, è stata scattata una potente immagine finale che emula il celebre esercito di terracotta della Cina antica. Più di 100 nuotatori provenienti da tutto il Regno Unito hanno preso parte a questo evento unico, finalizzato ad evidenziare la situazione critica di uno dei più importanti edifici della comunità del Birmingham. I Nuotatori, questo il titolo dello scatto, è ambientato sul fondo della piscina Gala. Qui hanno preso posto bagnanti, appassionati di fotografia, ammiratori del patrimonio cittadino e semplici sostenitori, riunitisi per protestare contro la decisione del consiglio comunale di Birmingham, che intende chiudere definitivamente il complesso l’anno prossimo.

Film Io rom romantica di Laura Halilovic – Giffoni Film Festival – Giffoni Valle Piana
Presentato in anteprima al Giffoni Film Festival, Io rom romantica è il primo lungometraggio della regista Laura Halilovic. La cineasta, nata a Torino nell’89 da una famiglia Rom originaria della Bosnia Erzegovina, non ha ancora ottenuto la cittadinanza italiana. L’amore per il cinema della Halivovic l’ha costretta a scelte difficili per una ragazza destinata per la sua cultura a sposarsi giovanissima e dedicarsi alla famiglia, come racconta nel suo primo film. La protagonista si chiama Gioia, vive con la famiglia rom alla Falchera, periferia di Torino ed è la disperazione del padre: porta i pantaloni, ha preso le abitudini dei gagé – termine usato per tutti i non rom – e soprattutto rifiuta ogni pretendente, non vuole sposarsi. “Senza una famiglia non esisti, non sei nessuno”, le ripete il padre accorato e a disagio con la comunità che ironizza sulla figlia che vuole fare il cinema. Non è facile neanche per Gioia, per i rom è una gagé, per gli italiani resta una zingara.

The Resilience of the Dreamer installazione di Patti Smith – “Rockaway!” festival – Stati Uniti
Patty Smith, artista di fama internazionale, che risiede a Rockaway – ha concepito una grande installazione, una mostra fotografica, un’ installazione all’aperto “The Resilience of the Dreamer in occasione del Rockaway! Festival. Avendo assistito alla devastazione degli effetti personali provocata dal passaggio dell’uragano Sandy, Patty Smith ha installato un letto a baldacchino con lenzuola candide in un edificio abbandonato. Il letto si consumerà con il passare del tempo, ma rimarrà al suo posto come simbolo di resistenza e coraggio. Alla galleria RAA, una mostra di fotografie della Smith si concentra su oggetti cari ai loro proprietari: le pantofole di Robert Mapplethorpe, il cappello di Robert Graves, il letto di Virginia Woolf, il corsetto di Frida Kahlo, e la bandana di William Burroughs tra gli altri. La galleria adiacente è dedicata a Walt Whitman ed espone i suoi libri di poesie che i visitatori sono invitati a leggere. Patty Smith ha anche collocato cinque pietre di granito con incisi versi di poesia di Whitman, lungo i sentieri di Fort Tilden, a segnare il confine di questo parco urbano panoramico sul mare.