Hits

Paul il polpo indovino – Oberhausen – Germania

L’accesso ad internet diventa un diritto – Finlandia

Countdown to zero di Lucy Walker – USA

Ballman di Nike – Johannesburg – Sud Africa

Ernesto Neto: I confini del mondo – Hayward Gallery – Londra


Hots

Asta The Vader Project – Philadelphia
L’idea alla base del progetto Vader è semplice, 100 tra i migliori artisti underground e designer contemporanei, tra cui Peter Kuper, Jermaine Rogers, Gary Baseman, Paul Frank, Ron English, Jeff Soto, Michelle Valigura, Frank Kozik, Plasticgod, Simone Legno, Alex Pardee, Suckadelic, Tiede Cameron, Mister Cartoon, Marc Ecko, e Amanda Visell sono stati invitati a ripensare l’iconico casco nero che caratterizza Darth Vader. Partita iniziato come una semplice idea nel 2005, si è trasformata in una mostra da record nel 2009. L’ultima possibilità per vedere di persona le opere è stata l’anteprima dell’asta, svoltasi il 10 luglio alla Freeman’s Auction House di Philadelphia, prima dell’aggiudicazione da parte di collezionisti ed appassionati di tutto il mondo. Il prezzo d’asta per ogni singolo casco è stato di circa 1500 dollari. Alcuni caschi sono stati aggiudicati a 10000 dollari.

Mostra Over Up Exhibit di Martin Creed – The Fruitmarket Gallery – Edinburgo
La mostra Down Over Up presenta le opere più recenti di Martin Creed, uno dei più rinomati e popolari artisti contemporanei inglesi. I lavori di Creed colpiscono l’immaginazione del pubblico e registrano il plauso della critica, grazie al loro approccio accessibile. Le idee di Creeds prendono forma attraverso l’uso di materiali non convenzionali (assi di legno, sedie, tavoli, carta stropicciata) abbinati ad elementi meno comuni, quali ballerini professionisti o corridori. La mostra presso The Fruitmarket Gallery è incentrata sui temi dell’accumulazione e della progressione declinati attraverso il gioco delle dimensioni, dell’altezza e dei toni, che assumono le forme di pile di sedie, mattoncini di Lego, scatole, dipinti e installazioni musicali. Creeds sostiene di rappresentare in questo modo la crescita, il progresso ed il movimento.

Tomorrow, in a Year – Darwin electro-opera – Barbican Theatre – Londra
Il 27 e 28 luglio al Barbican Theatre a Londra è stata presentata la prima di un nuovo atteso lavoro, nel quale il mondo visto attraverso gli occhi di Darwin è la base di una performance che mescola gli effetti visivi di grande impatto di Hotel Pro Forma con il successo del duo pop svedese The Knife per dare vita a una nuova specie di elettro-opera. Darwin, il tempo e la natura sono rappresentati da una cantante d’opera, un cantante pop e un attore che recitano sulla musica dei The Knife. Sei danzatori rappresentano l’origine della vita. Attraverso le più recenti tecnologie di luce e musica viene riscoperta una immagine del mondo come un luogo di incredibili variazioni, somiglianze e unità. Diretto da Ralf Richardt Strøbech e Kirsten Dehlholm, l’universo visivo e concettuale è formato dai pensieri, le esperienze e le lettere di Darwin. La performance è divisa in due parti, analoghe allo sviluppo e alla pubblicazione dell’origine della specie.

Concert Dessinè di Rudolphe Burger – Festival di Avignone
Al Festival di Avignone la performance intitolata Concert Dessiné, Concerto a disegni, è l’evoluzione di un’esperienza del 2009 all’International Comic Book Festival di Angoulême. Sul palco famosi disegnatori e fumettisti illustreranno in diretta una sceneggiatura sulle musiche del rock sofisticato di Rudolphe Burger, accompagnato dal bassista Julien Perraudeau, il batterista Alberto Malo e con Erik Truffaz alla tromba. La musica evoca le immagini create al momento e visibili a tutti perché proiettate su un grande schermo. La fusione tra musica e disegno dà vita a una combinazione eclettica di grande suggestione: la creatività parte dalla capacità di tradurre in immagine i suoni, creando risonanza con gli spettatori. Fumetto e musica in improvvisazione scenica.

Byrds with Skymirrors di Lemi Ponifaso – Festival Theater der Welt – Essen
Byrds with Skymirrors è l’ultimo lavoro creato dal coreografo Lemi Ponifaso, samoano residente in Nuova Zelanda, indicato dalla stampa come erede di Pina Baush e Merce Cunningham. Lo spettacolo di danza è stato presentato in anteprima mondiale al Festival Theater der Welt a Essen e ad agosto sarà fra le opere di spicco al Festival internazionale di Edimburgo. L’ispirazione per il suo progetto artistico, realizzato da Ponifasio con la sua compagnia MAU, arriva da un lavoro svolto 5 anni fa nell’atollo di Tarawa (Pacifico centrale). “Ho incontrato una visione differente di bellezza trascendentale e terrore apocalittico”, afferma Ponifaso, “Secondo me Byrds with Skymirrors affronta la domanda: ‘qual è il ruolo dell’uomo sulla Terra?’. Non sto predicando, né facendo la morale, sto solo cercando di trovare un senso nella nostra relazione con la Terra.”

Inaugurazione Treehotel – Harads – Svezia
Il 17 luglio, ad Harads, Svezia, a 60 km dal Circolo Polare Artico, è stato inaugurato il primo albergo su alberi, il Treehotel. In questo hotel si dorme sugli alberi e si può scegliere tra sei particolarissimi ambienti abitativi integrati nella natura, in formato ridotto, circa 4×4×4 metri, ma con tutti i comfort. Le stanze Cabin, Blue Cone, Nest e Mirrorcube, comprendono bagno, cucina, salottino e alcune, come la Birds Nest, persino una sauna. Altre due stanze sono previste per ottobre e l’obiettivo dei proprietari è quello di raggiungere le 24 stanze in cinque anni. Per ora sono stati cinque coinvolti studi di architettura.

Mostra Artigiani – fotografie di Francesco Filangeri – Sala S.Rita – Roma
Dall’8 al 28 luglio 2010 presso la sala S. Rita di Roma è in programma una mostra fotografica di Francesco Filangeri dal titolo “Artigiani”. Il fotografo di origine siciliana, che vive e lavora a Londra da alcuni anni, ha ritratto artigiani all’opera nelle loro botteghe di Palermo, Roma, Parigi e Londra. Da qualunque luogo provengano e ovunque si trovino, gli artigiani, sembrano condividere un modo di concepire il vivere la città e il lavorarvi che annulla le distanze geografiche e le differenze culturali. La mostra, è un omaggio a tutte quelle persone che iniziano a lavorare già in tenera età e fino alla vecchiaia si dedicano alla propria passione: un sacrificio che si regge principalmente sull’amore per la propria arte. Dall’ambiente intimo e poco illuminato delle proprie botteghe, emergono ritratti e storie insospettabili e disparate.

Disney Store di nuova concezione
Disney ha lanciato un format di negozi innovativo, inaugurando tra giugno e luglio i primi punti vendita del mondo, in California vicino a Los Angeles, e d’Europa, in Spagna a Madrid. I nuovi Disney Store, che in pochi anni sostituiranno quelli preesistenti, offrono un’esperienza di gioco e divertimento, con numerose aree interattive e persino un teatro interno. In una apposita sezione i bimbi possono costruire e personalizzare i personaggi di Cars, ci sono alberi interattivi in grado di cambiare colore e popolati con musica e personaggi Disney, mentre all’ingresso un Castello della Principessa, contiene un “vero” specchio magico: con la bacchetta si fa comparire una principessa pronta a raccontare le favole. La nuova catena Disney si ispira dunque al concept degli Apple Store e punta sull’interattività e l’intrattenimento per rilanciare il mondo della marca.

Risciò a energia solare per le poste – India
Gli uffici postali indiani verranno forniti di risciò a energia solare. Lo ha deciso il ministro delle Poste e Telecomunicazioni Sachin Pilot, lanciando una nuova iniziativa per facilitare la consegna di lettere e pacchi salvaguardando l’ambiente. Dieci motocarrozzette a tre ruote, ‘soleckshaw’, sono state consegnate ad Ajmer, nello stato del Rajasthan: per ora è un progetto pilota, che sarà gradualmente esteso a tutto il Paese. I mezzi possono percorrere 50 km con sei ore di carica e trasportare fino a 50 kg: molto di più di quanto può portare un postino in bicicletta. Una diversa versione, con sedile posteriore, sarà sperimentata anche a New Delhi per trasportare atleti e turisti in occasione dei Giochi dei Commonwealth di ottobre.

Patrick Mohr alla Berlin Fashion Week
Lo stilista tedesco Patrick Mohr ha pensato a un modo unico ed originale di presentare la sua ultima collezione per la Primavera/Estate 2011: ha mandato in passerella modelle calve e barbute, assieme a modelli che erano in tutto e per tutto simili. La sfilata si è svolta durante la settimana della moda di Berlino ed è stata la conferma del gusto dello stilista per lo scandalo: infatti, lo scorso anno ha utilizzato modelle professioniste e senzatetto per mostrare la sua collezione. La reazione di stampa e blog è stata molto forte e quasi unanime: le sue scelte sono state ampiamente criticate e considerate “strane, bizzarre e assolutamente spaventose”.