Hits

American Sniper di Clint Eastwood

I Dieci Comandamenti di Roberto Benigni

Thinning Ice installation di Gang Architecs per Swarosvski – Design Miami – Stati Uniti

Mostra La Rétrospective di Jeff Koons – Centre Pompidou – Parigi

Il primo concerto interattivo del mondo: Ed Sheeran per Telekom Strret Gigs – Zugspitze – Germania


Hots

Nike Zvezdochka di Marc Newson
Progettate dal designer industriale australiano Marc Newson e ispirate dalla sua visita presso l’Agenzia spaziale russa, le scarpe Nike Zvezdochka, inizialmente lanciate nel 2004, furono decisamente in anticipo sui tempi. Prendono il loro nome dal cane russo inviato nello spazio a bordo dello Sputnik 10 nel 1961, hanno un design modulare (composto di quattro parti) e sono rappresentative della visione originale del designer: “una scarpa polivalente per cosmonauti”. “Progetti come il Zvezdochka hanno contribuito a spianare la strada ad altre innovazioni come Nike Flyknit, o il modo in cui pensiamo all’uso di nuovi strumenti come la stampa 3D,” ha commentato Mark Parker, Presidente e CEO di Nike. Per celebrare il 10° anniversario delle Zvezdochka, Nike ripropone la scarpa in edizione limitata dal 29 dicembre 2014, attraverso il sito NikeLab.

Ready Active Jeans di Betabrand e Norton – San Francisco
Betabrand, azienda californiana di tecnologia indossabile, ha unito le forze con la società di sicurezza informatica Norton per sviluppare un paio di jeans che impediscono ai “borseggiatori digitali” la scansione delle carte di credito e del passaporto mentre si cammina. Le tasche – una davanti e uno sul retro – dei Ready Active Jeans di Betabrand sono rivestite con un tessuto appositamente progettato che scherma i segnali RFID (identificazione a radiofrequenza) utilizzati da un numero crescente di carte di credito e passaporti per consentirne la scansione wireless. Betabrand sostiene che i ladri d’identità, armati di scanner portatili, hanno sfruttato la tecnologia in più di 10 milioni furti all’anno. I jeans sono in vendita per $151 e possono essere acquistati in abbinamento ad un blezer RFID-repellente.

Museo delle Confluenze – Lione – Francia
Inaugurato a Lione il Museo delle Confluenze (Musée des Confluences), dedicato al racconto dell’evoluzione sociale e artistica dell’umanità, nel tempo e nello spazio. Si tratta di un’opera mirabile, ultramoderna, costruita in vetro e in metallo – da qui il nome di Nuvola di Cristallo – costruita in un’area a forma di prua alla confluenza dei fiumi Rodano e Saona. Si tratta di 22.000 mq dove, agli spazi espositivi permanenti disposti su 3.300 mq dedicati ad altrettanti scenari diversi – “le origini”, “le specie”, “le società” e “l’eternità” – si affiancano aree riservate a esposizioni temporanee, workshop, auditorium e servizi di vario tipo. Il Museo delle Confluenze sarà dunque una struttura dalla vocazione scientifica che affianca, nella stessa area, la sede di rappresentanza della Biennale d’Arte Contemporanea.

Libro Opting for Elsewhere: Lifestyle Migration in the American Middle Class, di Brian A. Hoey
“Ti è stato raccontato in cosa consiste una vita soddisfacente, oppure l’hai immaginato tu personalmente?” Questa è la domanda centrale del libro Opting for Elsewhere (Optare per Altrove), in cui il lettore si imbatte in storie di persone che hanno scelto la delocalizzazione per ridefinire se stessi, mettendo ordine tra lavoro, famiglia e priorità personali. Si tratta di un libro che tratta il tema dell’impulso a ricominciare. Che sia dovuto a una retrocessione per l’eccessivo stress lavorativo, oppure per un ridimensionamento dei posti di lavoro in una ristrutturazione aziendale, lo stile di vita dei migranti è centrato sulla ricerca di un “rifugio”, in luoghi che sembrano risuonare con la propria identità, potenziale e idealizzata. Hoey sottolinea il fatto che, anche se abbiamo molte informazioni demografiche sui modelli migratori, ne conosciamo, invece, molto poco gli aspetti esperienziali e di stile di vita: come e perché le persone prendono la decisione di trasferirsi, e gli effetti della delocalizzazione sul loro modo di valutare se stessi e gli altri. Hoey interpreta il processo della delocalizzazione come una ricerca di senso, e anche una chiave per riconquistare il controllo su alcuni aspetti della vita, sempre più caotica.

Hackher riproduce le impronte digitali del ministro della difesa tedesco – Amburgo
Il furto delle impronte digitali è la nuova frontiera per gli hacker. La notizia arriva dalla Germania, dove Jan Krissler, noto come Starbug, uno degli hacker più famosi al mondo, al 31° Congresso del Chaos Computer Club ad Amburgo, ha annunciato di aver riprodotto un’impronta attraverso delle fotografie. Non si tratta di impronte qualsiasi, ma di quelle del ministro della difesa tedesco Ursula von der Leyen. Krissler è riuscito nell’impresa usando diverse immagini realizzate da diverse angolazioni durante un incontro pubblico. Il tutto è stato rielaborato grazie a un software chiamato Veri Finger. Le fotografie sono state scattate a 3 metri dal ministro con una comune fotocamera digitale. Per arrivare al risultato sono necessari una serie di passaggi tecnici tra cui la stampa in 3d delle impronte ricreate invertendo i colori delle immagini. Con questo sistema diventerebbe facile anche violare tutti i sistemi di controllo biometrico che si basano sul riconoscimento delle impronte.

Mostra Piccole Storie: abitare in una casa per bambole – V & A Museum of Childhood – Londra
La mostra più importante del Museo dell’infanzia del V & A Small Stories: At home in a dolls’ house (Piccole Storie: vivere in una casa per bambole) rivela le storie affascinanti delle più amate case per bambole del Regno Unito. Attraverso le storie di 12 case di bambole degli ultimi 300 anni, i visitatori vengono accompagnati in un viaggio attraverso la storia della casa, la vita di tutti i giorni e i cambiamenti nei rapporti familiari. Le piccole storie di ogni casa vengono riportate in vita da personaggi che vivono o lavorano. La vita quotidiana viene arricchita da storie di matrimoni e feste, politica e crimini . Ogni casa viene mostrata in un particolare momento della giornata e visitatori possono utilizzare i pulsanti accanto alle vetrine per attivare la narrazione e illuminare i personaggi mentre parlano. La mostra comprende ville di campagna, case in stile georgiano, ville suburbane, case popolari di nuova costruzione e appartamenti di condomini a sviluppo verticale. Esposte in ordine cronologico, le case mostrano inoltre gli sviluppi nell’ architettura e nel design.

Campagna pubblicitaria Dailies Total 1 di Alcon – Londra
Per dimostrare la qualità e il confort delle proprie lenti a contatto, l’inglese Alcon, ha proposto un’innovativa campagna pubblicitaria per le strade di Londra. Una serie di tabelloni interattivi posizionati alle fermate dei mezzi pubblici invitano gli astanti a uno dei passatempi più classici e noti al mondo: fissami senza ridere, un gioco che tutti hanno fatto tra amici e con i propri figli. Ispirandosi al tormentone senza tempo la Alcon ha creato una divertente campagna realizzata attraverso sofisticati schermi, in grado di captare i battiti di ciglia dei passanti, che propongono quattro 4 personaggi (tra cui il Boss e la nonna fashion) pronti a sfidare le persone a fissarli senza battere ciglio e scoppiare a ridere. A tutti i partecipanti viene regalato un buono per provare gratuitamente le lenti nei punti vendita specializzati.

Il leak dell’album Rebel Heart di Madonna
A metà dicembre 2014, 13 demo registrate per Rebel Heart (il tredicesimo album di Madonna ancora in lavorazione), sono stati illegalmente pubblicati online. Si tratta di un leak senza precedenti nel settore della musica, che ha riguardato un intero album trapelato quattro mesi prima della sua data di uscita, prevista per l’aprile 2015. Anche la risposta di Madonna è stata senza precedenti: infatti ha deciso che avrebbe completato alcune tracce per metterle immediatamente in vendita su iTunes e altri negozi di musica digitale. Sei versioni ufficiali delle canzoni sono dunque apparse su iTunes il 20 dicembre. Le canzoni, che Madonna ha definito “un regalo di Natale anticipato”, in poche ore sono salite in vetta alla classifica di iTunes in ben 42 paesi. Altri brani saranno disponibili a febbraio e l’album uscirà la prima settimana di marzo 2015.

La Banca dei Ragazzi – Roma
Per due ore tutti i venerdì, in tre scuole di Roma, apre un singolare sportello bancario, completamente gestito dagli alunni più grandi delle scuole elementari. I bambini a turno, sono impiegati come direttori, cassieri e contabili o anche come promotori finanziari girando per le classi per coinvolgere il maggior numero di studenti. Tutte le operazioni – dal ricevimento alla registrazione del versamento – sono gestite dai bambini, per somme che vanno da pochi centesimi ad un massimo di 10 euro. A fine giornata un adulto trasferisce i risparmi alla BCC, depositando l’ammontare su un libretto – con un rendimento del 3% – di cui una parte viene devoluta ad attività benefiche, come per esempio quelle dell’ associazione Byelo, attiva in Uganda. Si tratta di un progetto ideato in Sicilia e replicato a Roma dalla Professoressa Antonella Mazzara, con finalità educative sui temi del risparmio e della gestione del denaro.

Progetto The Table – Madrid
Il progetto The Table porta sei degli chef spagnoli più promettenti a Madrid dove, ognuno per un mese, trasformerà la cucina e il ristorante del nuovo Hotel Urso, nella sua casa. Un ristorante pop up con menu speciali che ogni mese cambia completamente per offrire ogni volta un’esperienza unica: il meglio della Galizia, della Cantabria, di Bilbao, di Barcellona, dell’Estremadura. Dal primo al 23 dicembre, in “The Table by Cenador de Amós”, lo chef Jesús Sánchez propone i piatti più creativi del suo pluripremiato ristorante, a base dei prodotti tipici della Cantabria, dalle acciughe e gli sgombri, ai formaggi e i vini locali. A gennaio sarà la volta dell’Etxanobe di Bilbao e a febbraio di L’Escaleta di Alicante.