Hits

Mostra – Le fabbriche dei sogni – Triennale Design Museum – Milano

Habemus Papam di Nanni Moretti

Mostra Joan Miró: The Ladder of Escape – Tate Modern – Londra

Wake Up degli Arcade Fire al Coachella Music and Art Festival – Stati Uniti

Serie TV The Kennedys – Stati Uniti


Hots

God Wants You Happy (Dio vuole che tu sia felice) di Padre Jonathan Morris
Il libro God Wants You Happy propone un programma di vita spirituale di lunga durata, che insegna ad aprirsi alla presenza di Dio nella vita quotidiana per fare in modo che il mondo possa rendere felici uomini e donne. In altre parole, Dio desidera che le persone siano felici. Basandosi sulle riflessioni derivate dall’osservazione delle persone, incontrate sia durante i viaggi per la sua collaborazione per il programma televisivo Fox News che all’interno della sua attività in parrocchia a New York, Padre Jonathan non riusciva a comprendere perché molte persone fossero affascinate dalle teorie di guru che professano il self-help e invece non si interessino ai suggerimenti al riguardo che offre la Chiesa cristiana. Con un approccio marketing, ha compreso che parte del problema stava nel “confezionamento del prodotto”: molte persone infatti si accostano alla fede solo nel momento di una malattia o di un problema. Ma cosa succederebbe invece se si ripensasse alla dottrina cristiana come a un aiuto per affrontare il mondo da soli?

A Visit from the Goon Squad di Jennifer Egan – Premio Pulitzer narrativa 2011
Il premio Pulitzer 2011 per la narrativa è stato assegnato al romanzo A Visit from the Goon Squad di Jennifer Egan, nota scrittrice di best seller in America, ma poco conosciuta in Italia. Il prestigioso premio assegnato dalla Columbia University ogni anno in sette sezioni diverse, è andato a Visit from the Goon Squad per “l’appassionata curiosità sui cambiamenti culturali a tutta velocità”. Il romanzo già pluripremiato, (ha vinto, infatti, il National Book Critics, e il Circle Award 2010), dalla critica è stato definito una “sinfonia di voci”. La vera novità è infatti che il romanzo della Egan, è stato realizzato in una settantina di slide in PowerPoint, un’applicazione normalmente utilizzata per presentare piani aziendali. Un romanzo sperimentale in cui il New York Times ha letto elementi che vanno dalla Recherche di Marcel Proust alla saga televisiva dei Soprano.

Stadsmuziek di Akko Golenbeld – Milano
Stadsmuziek è un installazione creata da Akko Golenbeld, presentata durante la settimana del design all’interno di “This Way”, una mostra allestita dall’Accademia del design di Eindhoven. Un modello in scala della città di Eindhoven, appunto, montato su un cilindro rotante di legno come quello da cui leggevano le partiture le antiche pianole. Ogni edificio, unico per dimensione, forma e prossimità agli altri, crea il tema musicale ‘giocando’ con i martelletti e – quindi – con i tasti del pianoforte. Girando il rullo, la città esprime la sua voce traducendo la riproduzione tridimensionale in scala e producendo timbriche dal forte al morbido, dal lungo al corto, dall’acuto al basso.

Negozio Olivetti – Venezia
Il Negozio Olivetti, in Piazza San Marco a Venezia, viene progettato nel 1958 da Carlo Scarpa su incarico di Adriano Olivetti. Superando le dimensioni ridotte sull’ambiente, Scarpa crea un’opera di grande respiro e trasparenza che presto viene riconosciuta come una delle più significative realizzazioni di architettura civile del XX secolo. Assicurazioni Generali, proprietaria dell’immobile, dopo averne curato e sostenuto il restauro in stretta collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e Laguna, lo ha affidato in concessione al FAI al fine di tutelarlo e gestirlo per la collettività. Il Negozio Olivetti è ora regolarmente aperto alle visite del pubblico.

Guerrilla Knitters contro le centrali nucleari – Germania
I Guerilla-knitters segnano gli spazi pubblici con messaggi politici, come fanno i graffitari, ma utilizzando la tecnica del lavoro a maglia. Dopo il disastro all’impianto nucleare di Fukushima in Giappone, la “guerriglia della maglia” a preso piede Germania. Il lavoro a maglia è diventato il mezzo di protesta originale utilizzato da due studenti tedeschi, Strick & Liesel, che sono diventati famosi per le loro dichiarazioni contro le centrali nucleari. I loro striscioni “Atomkraft. Nein Danke “(Energia nucleare. No grazie) fatti a maglia ed “indossati” da alberi e lampioni hanno colto di sorpresa i passanti nelle città di Düsseldorf e di Duisburg.

Do Something Reel Film Festival – Whole Foods Market – Stati Uniti
Per celebrare l’Earth Month 2011, il 1° Aprile Whole Foods, il maggior retailer di cibi organici e naturali in Inghilterra e Stati Uniti, ha aperto il Do Something Reel Film Festival: una rassegna di sei film che parlano di cibo e ambiente attraverso la storia ed il racconto di “persone normali” ma con una propria visione su come cambiare in meglio il mondo. Tra i film, “Urban Roots” racconta la storia di un gruppo di persone che a Detroit usano spazi dismessi della città per coltivare cibo, e “Vanishing of the Bees” indaga sul mistero che sta dietro alla scomparsa delle api. Il festival è itinerante: in un mese toccherà 70 città americane con proiezioni in sale cinematografiche locali e discussioni aperte con i registi.

Mostra Elogio del Dubbio a cura di Caroline Bourgeois – Venezia
Il centro di arte contemporanea di Punta della Dogana, Venezia, presenta Elogio del Dubbio, un’esposizione a cura di Caroline Bourgeois: un percorso tematico dedicato alla forza e alla fragilità della condizione umana. Elogio del Dubbio raccoglie opere storiche e nuove produzioni, di cui la maggior parte installazioni ‘site-specific’, che indagano la sfera del turbamento, la messa in discussione delle certezze in tema di identità, il rapporto tra la dimensione intima, personale e quella dell’opera. La mostra offre una visione introspettiva sul rapporto con il tempo e celebra il dubbio nella sua forza di sfida ai pregiudizi, alle convinzioni e alle certezze anche attraverso una serie di interrogativi universali

Mostra Gioielleria contemporanea brasiliana – Museo A Casa – San Paolo – Brasile
A Casa, Museo dell’oggetto brasiliano di San Paolo, presenta un’esposizione dedicata al mondo del gioiello nel Brasile contemporaneo. Attraverso le opere dei 12 artisti in mostra, vengono messi in scena i materiali e il loro uso, le forme e la ricerca estetica, gli orientamenti progettuali nella lavorazione e le loro connessioni fra artigianato e tecnologia. La gioielleria è un’espressione artistica fortemente e trasversalmente legata al popolo brasiliano, sia essa frutto di una ricerca accademica formale sia legata alle culture e ai saperi tradizionali. La diversità dei materiali utilizzati e la loro libera sperimentazione vede i metalli e le pietre preziose incontrare le fibre tessili e i prodotti della terra, così come materiali riciclati: tutti elementi interdipendenti in un sistema creativo di grande dinamismo e apertura.

Poster Hello boys di Wonderbra premiata come miglior affissione di tutti i tempi – Regno Unito
‘Hello Boys’, il poster di Wonderbra del 1994 con una giovane Eva Herzigova che mostrando un meraviglioso décolleté invitava ironicamente i passanti a guardarla negli occhi, è il migliore che sia mai stato creato nella storia della pubblicità esterna della Gran Bretagna. Lo ha deciso una giuria di 10.000 votanti convocata dal settimanale specializzato Campaign insieme al britannico Outdoor Media Centre. I 10.000 lettori hanno votato una selezione di 100 poster scelti da una piccola giuria e visibili sul sito Outdoor Hall of Fame. L’immagine sexy e ironica della campagna Wonderbra caratterizza il manifesto promozionale più “iconico” di tutti i tempi, che ha trasformato la giovane Herzigova da testimonial in star.

War Horse di Marianne Elliott e Tom Morris – Lincoln Center Theater – New York
Il 14 aprile è stato presentato ufficialmente al Lincoln Center Theater di Broadway, l’adattamento per il palcoscenico del libro per bambini War Horse, scritto da Michael Morpurgo nel 1982. Lo spettacolo ha una durata in scena di due ore e quaranta minuti, un cast di 35 attori e una gamma incredibile di burattini e proiezioni a cui è stata data vita dalla sudafricana Handspring Puppet Company, famosa a livello internazionale. Questo straordinario ed epico spettacolo teatrale, racconta la storia dell’amore tra un ragazzo – Albert – e il suo amato cavallo Joey, narrando anche il coraggio della cavalleria durante la prima guerra mondiale.