Hits

Susan Boyle – Britains Got Talent – Regno Unito

Auto Leko di Ikea – 1 Aprile

Richard Ginori @ Taste Lounge – di Paola Navone – Milano

TV Turnoff Week – Regno Unito

Progetto cinematografico “Per Fiducia” – Italia


Hots

Orchestra Sinfonica di You Tube – Carnegie Hall – New York
Nello spazio di internet nascono relazioni, tensioni, confronti fra culture, discussioni e… anche orchestre. Il progetto avviato da YouTube alcuni mesi fa, ha preso forma nella YouTube Symphony Orchestra, la prima orchestra al mondo, composta da 96 musicisti provenienti da ogni parte del pianeta, ad essersi formata online. L’orchestra, reale più che mai, si è esibita alla Carnegie Hall di New York, diretta dal maestro Michael Tilson Thomas e accompagnata da proiezioni multimediali che hanno reso unica l’atmosfera in quella che da sempre viene considerata il tempio della musica negli States. Straordinario l’affiatamento dei musicisti nonostante le tre sole giornate precedenti dedicate alle prove.

Campagna Bisazza di Nobuyoshi Araki
Il noto fotografo giapponese Nobuyoshi Araki è l’autore della nuova campagna pubblicitaria di Bisazza per il 2009. Con questa collaborazione Bisazza sperimenta un linguaggio inusuale per il mondo del design, affidando la comunicazione del proprio brand a un vero e proprio artista della fotografia. Protagonista della foto è una donna orientale, in posa eterea ma allo stesso tempo sensuale, legata secondo l’antico rito del bondage, richiamo allo stile inconfondibile di Araki. I decori della collezione Bisazza Mosaico diventano lo sfondo di un’immagine intensa, che sottolinea il profondo interesse dell’azienda verso le espressioni artistiche di avanguardia. Gli scatti di Araki appariranno sulle principali testate internazionali e diventeranno, inoltre, oggetto di una mostra itinerante che toccherà nei prossimi mesi alcune città tra cui Parigi e New York.

+/- [ the infinite between 0 and 1] di Ryoji Ikeda – Museo di Arte Contemporanea – Tokyo
“Per me la bellezza è cristallo, razionalità, precisione, semplicità, semplicità, eleganza, delicatezza. Il sublime è infinito, infinitesimo, immensità, indescrivibile, ineffabile” Ryoji Ikeda definisce così un aspetto essenziale della sua ricerca artistica. La sua prima grande retrospettiva +/- [ the infinite between 0 and 1], presso il Museo di Arte Contemporanea di Tokyo, racchiude opere, musiche, ambienti e installazioni che celebrano la suo percorso artistico nell’espansione delle espressioni di suono e immagine, luce e ombra, spazio e tempo. Qui Ikeda salda il codice acustico a quello visivo, esplorandolo con matematica visionarietà e indagando le proprietà del suono, il suo impatto sulla percezione umana e giocando con ultrasuoni e frequenze, loop ricorrenze ed errori.

Mostra Senseware – Triennale – Milano
Sbocciare, galleggiare, sorridere, illuminare le tenebre: naturale e emozionale si incrociano perfettamente in questa stupefacente mostra dove l’artificiale diventa un’esperienza tangibile. Organizzato da sette aziende manifatturiere giapponesi, Senseware esplora per una settimana durante il Salone del Mobile di Milano l’uso di nuove fibre di tessuto fatte a mano, e ogni materiale è stato assegnato a un designer diverso. “L’abbinamento tra le fibre e il creativo è una decisione cruciale in questa mostra”, dice il curatore Kenya Hara. “Finalmente, ho invitato 15 creativi a partecipare, incluso artisti che si occupano di architettura, interior design, product design art direction e media analysis.” Presente adesso al Design Museum dentro la Triennale di Milano, la mostra tessile Tokyo Fiber “Senseware” successivamente girerà il mondo per promuovere materiali di avanguardia dal Giappone.

The Generational: Younger Than Jesus – New Museum – New York
La mostra The Generational: Younger Than Jesus propone una selezione multidisciplinare di opere prodotte da 50 artisti, di 25 paesi, nati dopo il 1976. Di questa generazione, denominata alternativamente Millennial, Generazione Y, o i Generation, sono sempre stati studiati ed approfonditi i comportamenti legati al consumo: questa esposizione mette in luce elementi della cultura visiva prodotta fino ad oggi da questi giovani. Il ventaglio di mezzi espressivi presi in considerazione dai curatori è stato ampliato per l’occasione: accanto ai mezzi classici compaiono infatti, i videogiochi e le opere basate sull’utilizzo del web.

Topshop apre a New York
Ha aperto a New York il primo flagship store fuori dal Regno Unito di Topshop, catena inglese di abbigliamento e accessori di grande successo. L’inaugurazione del 2 aprile ha visto il proprietario, Sir Phillip Green, aprire le porte del negozio, in realtà un emporio di 40mila piedi quadrati su 4 piani, in un edificio nel quartiere di Soho, insieme a Kate Moss. Da questo mese quindi anche i newyorkesi avranno la possibilità di acquistare in città le proposte di stilisti famosi e designers che Topshop mette in vendita a prezzi competitivi, ma anche di accedere a servizi in più quali quello di parrucchiere e sartoria veloce.

Scienziati della Cornell University analizzano le immagini di Flickr – USA
Alcuni scienziati della Cornell University hanno scaricato ed analizzato quasi 35 milioni di immagini di Flickr, utilizzando un supercomputer del Centro Cornell per il Calcolo Avanzato. Il loro studio ha prodotto un sistema innovativo per automatizzare l’organizzazione, l’etichettatura e la sintesi di grandi raccolte di immagini digitali. La ricerca ha prodotto anche statistiche sulle 25 città più visitate nel mondo e sui sette siti più fotografati. Sorprendentemente l’Apple Store di Manhattan figura al quinto posto tra I luoghi più fotografati di New York, ed il 28esimo luogo più fotografato al mondo. Lo studio sviluppa tecniche per identificare luoghi che le persone hanno interesse a fotografare, mostrando i risultati relativi a milioni di posti.

Sbirri di Roberto Burchielli
Sbirri è il titolo del docu-film in cui Raul Bova interpreta il ruolo di un giornalista impegnato colpito da una tragedia familiare: il figlio adolescente in gita a Milano ha assunto una pastiglia di ecstasi ed è morto. Matteo riesce a convincere il suo direttore per la realizzazione di un’inchiesta sul mondo dello spaccio di stupefacenti. Il punto di vista sarà quello degli agenti della Squadra Speciale della Polizia operante a Milano. Il film di Burchielli merita di essere segnalato per il coraggio di una sperimentazione che va oltre il documentario inserendo un attore e una troupe nella quotidianità del difficile lavoro di chi, nella polizia, cerca di contrastare la diffusione degli stupefacenti avendo un’attenzione particolare per i rischi che corre la popolazione più giovane.

Hella Nation di Evan Wright – Stati Uniti
Evan Wright è un giornalista specializzato in culture outsider. Hella Nation è una raccolta delle sue più bizzarre avventure dal 1997 al 2007 e contiene 12 racconti di outsiders, che vivono ai margini della società americana. Wright incontra lungo il cammino ragazzi che si guadagnano da vivere come venditori di skateboard; anarchici radicali che tramano il rovesciamento delle Corporation americane; truppe di giovani americani a caccia di terroristi in Medio Oriente. I suoi soggetti sono persone per le quali il sogno americano è ormai fuori portata, oppure hanno scelto di rifiutarlo completamente. Hella Nation è un percorso di osservazione meticolosa di coloro che si nascondono lungo i bordi frastagliati delle pianure della pianura americana, la nazione dei centri commerciali e delle comunità in gabbia.

Prada Trasformer di Rem Koolhaas – Seoul
L’olandese Rem Koolhaas, progettista di fama internazionale, ha ideato a Seul, in Corea, uno spazio mobile e polifunzionale. Si chiama Transformer Prada. Dal 25 aprile al 9 settembre il Transformer ospiterà una serie di eventi, mostre, concerti e rassegne cinematografiche. La forma del Transformer è ricavata da un tetraedro; quando viene ruotato, ogni lato offre un diverso programma culturale. Ciascuno dei quattro programmi si baserà su speciali forme con armatura in acciaio, tra cui un esagono, una croce, un rettangolo e un cerchio. Così, nel corso della mostra, i pavimenti diventeranno pareti e le pareti diventeranno soffitti.